Scandalo Aids, aumentato il prezzo del nuovo farmaco

AIDS, nuove cure e nuove scoperte: a Trieste analisi sulla malattia

Negli Usa in questi giorni è successo qualcosa che ha dell’incredibile e che ha suscitato l’ira di molti, tra cui Hilary Clinton. Lo scandalo rigurda un aumento del 5000% del prezzo del farmaco utilizzato per combattere malattie come l’Aids, la malaria e la Toxoplasmosi, il cosidetto “Daraprim“. Il brevetto è stato acquistato nel mese di agosto dalla biotech Turing Pharmaceuticals che ha portato il prezzo del medicinale da 13,5 dollari a 750 dollari. L’amministratore della startup ha giustificato l’aumento del prezzo dicendo che gli introiti sarebbero serviti ad investire sulla ricerca.

Hilary Clinton si è messa in prima linea ad inveire contro la società del farmaco, ritenendo inaccettabili aumenti del genere. Le critiche mediatiche piovute sull’azienda da tutta l’america, il crollo del Nasdaq per i titoli biotecnologici, la lettera aperta dell’Hiv medicine fondation ha fatto si che la biotech Turing Pharmaceuticals abbia deciso di fare un passo indietro abbassando nuovamente il prezzo del farmaco.

Leggi anche