Scandalo Volkswagen: Titolo in borsa crolla

Gruppo Volkswagen detronizza Gruppo Toyota

Brutta tegola e brutta figura per la casa automobilistica tedesca Volkswagen che avrebbe ammesso l’uso intenzionale di software progettati per aggirare le leggi in vigore negli Usa circa le emissioni di smog delle proprie auto. Questo scandalo oltre ad aver provocato sdegno e incredulità a livello mondiale ha provocato anche un crollo del titolo in Borsa, portando il colosso tedesco a perdere ben 22 punti sulle proprie azioni. Sono 500mila le vetture con motore diesel ritirate dal mercato a causa dei test sulle emissioni “truccati” e ora la casa automobilistica tedesca rischia sanzioni per un valore di circa 18 milioni di dollari.

Lo scandalo è scoppiato quando l’Epa, l’ente americano per la protezione dell’ambiente, ha sbugiardato le vetture Volkswagen e Audi con motore diesel 2 litri emettono molti più ossidi di azoto in condizioni normali e non come dichiarato durante i test specifici. E’ stato quindi scoperto il software, che installato ad hoc da Volkswagen nella centralina motore, riconosce le condizioni dei test e si attiva per rendere i dispositivi più efficienti contro le emissioni, chiaramente in maniera fasulla.

Il governo di Berlino, chiede con forza un chiarimento da parte dell’azienda e una collaborazione della stessa con le autorità Usa per salvaguardare più possibile il marchio che ne uscirà sicuramente ridimensionato non solo in quanto a perdite della Borsa ma anche e soprattutto a livello di immagine e credibilità verso i clienti.

Laureanda in Letterature Moderne Comparate per il Corso di Laurea in Filologia Moderna, ho diversi anni di esperienza presso testate giornalistiche online, blog culturali e magazine. Mi occupo di serie tv, cinema, letteratura e credo che la cultura l'unica strada che ci può rendere migliori. Ho scelto la scrittura come forma d'arte per cambiare il mondo