Sparatoria Orlando, 5 morti: esclusa la pista terroristica

Una settimana prima dell’anniversario della strage del Pulse, la paura torna nella città di Orlando. Una sparatoria avvenuta per un licenziamento,  che ha provocato ben cinque vittime; esclusa definitivamente la pista terroristica. I dettagli di seguito.

Orlando, Florida. 8:00 del mattino, ora locale: la città che si sveglia, un nuovo giorno che comincia. E la routine che dovrebbe scorrere normale e che invece viene interrotta da una sparatoria. A compierla un uomo che ha aperto il fuoco in un’azienda; uccise 5 persone, quattro uomini e una donna, 7 invece i sopravvissuti. E’ stata la Polizia a diffondere il bilancio di quello che è ora classificato come”tragico incidente”; esclusa definitivamente l’ipotesi terroristica rimbalzata su diverse testate giornalistiche statunitensi ed internazionali in quest’ultima ora.

Sparatoria a Orlando: le prime ipotesi sul caso

Confermato in seguito quanto riportato da media locali, come l’Orlando Sentinel che l’aggressore fosse un dipendente frustrato e arrabbiato. Shelley Adams ha dichiarato che sua sorella, Sheila McIntyre, dipendente dell’azienda,  sopravvissuta alla sparatoria l’ha chiamata mentre era chiusa in bagno: “Era molto agitata. E ripeteva: il mio capo è morto, il mio capo è morto“.

Cosa si sa sul Killer

Stando alle prime informazioni trapelate  si tratta di un 45-enne, ex dipendente dell’azienda e licenziato lo scorso aprile. Armato di una pistola e un coltello, dopo la sparatoria si è tolto la vita. L’identità non è stata rivelata benché lo sceriffo di Orange County abbia asserito che l’uomo si fosse già reso protagonista nel giugno del 2014 di un pestaggio ai danni di un altro impiegato all’interno dell’azienda, per il quale non fu denunciato.

Il bilancio delle vittime della sparatoria

Vittima del pestaggio risulta essere una delle cinque persone uccise oggi. E’ stato precisato dallo sceriffo che non sia stato utilizzato il coltello per tutta la durata della sparatoria. Inoltre, l’ignoto 45enne non risultava affiliato a organizzazioni terroristiche o sovversive; sue uniche “macchie “nella fedina penale, possesso di marijuana e guida in stato di ebbrezza.

La sparatoria è avvenuta, in un’area industriale alla periferia nordovest di Orlando, Forsyth Road, non lontano dalla sede della Full Sail University. Si tratta di un ampio spazio con parcheggi, capannoni e uffici. L’azienda teatro di plurimo omicidio non è, come dapprima era stato diffuso una filiale del gruppo italiano Fiamma, bensì un’azienda americana che ne distribuisce i prodotti.

Laureata in Belle Arti, Dipartimento di Arti Visive ha scelto di fare della Decorazione Artistica, in ogni forma la sua vita. Pugliese di nascita, spezzina d’adozione ha sempre un nuovo libro con sé; ama i viaggi, la fotografia, il buon cibo e predilige i film storici. Freelance Editor per Newsly.it e NailsArt.it scrive per dare voce alle idee, per lasciare che si concretizzino e possano dare nuova forma e sostanza al mondo che la circonda.