Terrorismo, arrestate tre donne a Parigi: preparavano un attentato

Terrorismo, arrestate tre donne a Parigi: preparavano un attentato

Tre donne arrestate a Boussy

L’obiettivo era vendicare l’uccisione di Abu Muhammad al-‘Adnani, portavoce dell’Isis e mente di diversi attentati dell’organizzazione terroristica. Per questo tre donne di 39, 23 e 19 anni hanno riempito una Peugeot 307 di bombole di gas, lasciandola nei pressi di Notre-Dame. Le indagini condotte hanno portato a pensare che l’obiettivo dell’attacco fosse la Gare de Lyon di Parigi, stazione del XII arrondissement della capitale francese. Nella serata di ieri la polizia transalpina ha portato a termine il blitz a Boussy-Saint-Antoine, banlieu parigini situato nel sud-est della città.

L’identità delle tre donne

Secondo le prime informazioni Ines, la più giovane delle tre donne arrestate, sarebbe la figlia del proprietario della macchina contenente le bombole di gas. La giovane, che vive nella periferia nord di Parigi e ha avuto il tempo di lasciare una lettere d’addio alla madre, ha ferito un poliziotto della Dgsi con una coltellata al momento dell’arresto. In seguito i colleghi dell’agente hanno colpito la donna, che al momento è ricoverata nell’ospedale di Kremlin-Bicetre. Con sé porta uno scritto nel quale giura fedeltà allo Stato islamico. Le altre due donne sembrano essere legate l’una a Larossi Abbala, assassino di due poliziotti a Magnanville, l’altra a Amedy Coulibaly, noto killer del supermercato Hypercacher nella notte del terrore del gennaio 2015.

Leggi anche: