“The House that Jack Built”: prime indiscrezioni sul film di Lars von Trier

Lars von Trier gira The House that Jack Built

A rivelarlo è il sito web Variety. Il regista danese Lars von Trier, che qualche anno fa venne cacciato da Cannes, dove era in concorso con Melancholia (Prix d’interprétation feminine a Kirsten Dunst) per le sue “sparate” nazi e che ha poi tenuto banco l’intero mondo con i due volumi del controverso Nymphonaniac, ha un nuovo progetto in cantiere.

Il regista sta infatti preparandosi a girare The House that Jack Built, una co-produzione di Francia/Germania/Svezia/Danimarca ancora in pre-produzione, le cui riprese cominceranno ad agosto mentre il film dovrebbe essere pronto per il 2018. Stando alle prime indiscrezioni sul film, la storia dovrebbe raccontare di un serial killer. Ambientata a Washington, la storia si articolerà in cinque episodi relativi a cinque casi di omicidio compiuti dal serial killer protagonista e sarà vista dal suo punto di vista e si svolgerà nell’arco di dodici anni.

Come di consueto, per il cast il regista combinerà attori europei con attori statunitensi e ancora una volta il film è prodotto dalla sua fedele Zentropa. A dirigere la produzione del film la Zentropa ha mandato Louise Vesht, che sul film ha detto:

Sarà un film di serial killer come non l’avete mai visto prima.”

Mentre il progetto sta ancora definendosi, spuntano due primi nomi certi all’interno del cast: Matt Dillon e Bruno Ganz.

Laureato in DAMS all'Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso "Darkside Cinema" e "L'Atalante", è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, "Interno familiare". Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.