Trattati di Roma: Cosa Sono e perché sono così importanti

Cosa si commemora oggi a Roma, e perché è una giornata importante per tutta l'Europa

Unione Europea: uno sguardo alla Storia

Oggi, 25 marzo 2017, si celebra il 60esimo anno della firma dei Trattati di Roma. Nel 1957 infatti i ministri di cinque Paesi europei si riunirono per firmare i documenti che sono alla base dell’Unione Europea.

Fu durante quei trattati che si avviò il percorso per la costituzione politica dell’Europa e delle sue istituzioni. Quei trattati rappresentano il nucleo fondativo dell’Unione di oggi in quanto l‘Europa per la prima volta si dimostrò Comunità. Prevedendo finalmente, tramite l’istituzione della CEE ed al trattato sullo sviluppo comune dell’energia atomica pacifica EURATOM, lo sviluppo della cooperazione tra gli Stati membri.

Entrambi i trattati furono il nucleo fondante delle politiche Europee sia in termini di autonomia interna (l’eliminazione dei dazi doganali tra gli Stati Membri) che in termini di rapporti con l’estero (l’istituzione di una tariffa doganale esterna comune). Ma anche in termini economici (l’istituzione della Banca europea degli investimenti) sia in termini di sviluppo industriale (l’introduzione di politiche comuni nel settore dell’agricoltura e dei trasporti, la creazione di un Fondo sociale europeo).

Fu durante quei trattati che fu prevista per la prima volta l’istituzione di un’Assemblea parlamentare europea, composta da 142 deputati nominati dai parlamenti dei paesi membri, la cui sessione costitutiva fu a Strasburgo il 19 marzo 1958. L’Europa non si farà di colpo, dichiarò Robert Schuman che la presiedeva, essa si farà attraverso delle relazioni concrete creando prima di tutto una solidarietà di fatto. Ecco, quel 25 marzo 1957 era solo il primo passo di un lungo cammino di tanti popoli finalmente insieme.

Condividi
Laureato in Filosofia, mi occupo di comunicazione politica e sociale. Qui scrivo di politica, diritti ma anche di altro. Ove conoscenza permette cerco di avere uno sguardo ampio sui fatti. Mi piace evidenziare i nodi delle questioni con un approccio riflessivo, pragmatico e razionale. Nonostante tutto, non mi piace rimanere ad immaginare ciò che c'è oltre il muro. Credo sia necessario andare a guardare e provare a capire.