Ezio Pascutti morto: era calciatore e allenatore del Bologna

Ezio Pascutti morto: era calciatore e allenatore del Bologna

Ex calciatore ed allenatore, ci ha lasciati un’icona del calcio

Il mondo dello sport in lutto per la morte di uno dei calciatori più amati degli anni ’60, in questo caso in modo particolare dai tifosi bolognesi. Si è spento all’età di 79 anni Ezio Pascutti, all’Istituto Sant’Anna di Bologna, in cui era ricoverato da un paio di mesi.

La sua carriera da calciatore è cominciata nel 1955, come attaccante nel Bologna Calcio, unica società in cui ha militato. In carriera ha realizzato ben 130 reti in 296 partite ufficiali giocate in Serie A. Ha esordito a diciotto anni con la maglia rossoblu, colori che abbandona quattordici anni più tardi quando appende le scarpette al chiodo. E’ stato protagonista del noto scudetto del ’64, guadagnato nello spareggio con l’Inter. Per circa vent’anni ha mantenuto il record di reti consecutive in campionato, infranto nel 1994 da Gabriel Omar Batistuta.

Con la Nazionale Italiana, Ezio Pascutti ha partecipato ai mondiali di calcio in Cile del 1962 e quelli inglesi del 1966, totalizzando 8 goal. Dopo il ritiro, ha conseguito il patentino di allenatore per la Serie D, allenando squadre di serie inferiori come il Baracca Lugo, il Russi e la Sassolese. Il mondo del calcio piange la scomparsa di uno degli attaccanti più prolifici della storia.

Ezio Pascutti morto: era calciatore e allenatore del Bologna ultima modifica: 2017-01-05T11:52:13+00:00 da Nico Donvito