George Michael morto di overdose? Le indiscrezioni dei giornali

Un nuovo scenario attorno all’improvvisa morte della pop star, avvenuta la mattina di Natale

A più di ventiquattrore dalla sua morte, si continua a parlare di George Michael. Il Daily Telegraph, popolare quotidiano britannico, ha ipotizzato che l’arresto cardiaco, ossia la causa ufficiale del decesso, possa essere stata conseguenza di un’overdose.

Il corpo del cantante è stato ritrovato senza vita, la mattina di Natale, dal compagno Fadi Fawaz, che ha dichiarato al giornale londinese: “Dovevamo fare insieme il pranzo di Natale. Sono andato a casa sua per svegliarlo ma era già spirato, l’ho trovato che giaceva pacificamente a letto. Non sappiamo ancora cosa sia esattamente successo. Recentemente tutto era diventato molto complicato, ma George aspettava con trepidazione il Natale e io anche. Adesso è tutto rovinato. Nell’ultimo anno ha lottato contro una crescente dipendenza dall’eroina. Si è dovuto far ricoverare diverse volte al pronto soccorso per una overdose. È già tanto che abbia resistito fino ad ora. Vorrei che la gente lo ricordasse per quello che era, una persona magnifica”.

Queste nuove rivelazioni del compagno, contrastano con quanto riferito ieri dal manager Michael Lippmann. Secondo le ricostruzioni dei media inglesi, i problemi di droga che George Michael aveva avuto in passato non erano stati del tutto superati, in particolar modo la sua dipendenza dall’eroina.

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.