Attentato Torri Gemelle 11 settembre 2001: oggi l’anniversario

Cade oggi il sedicesimo anniversario dell'attentato alle Torri Gemelle.

Sono passati già sedici anni da quell’11 settembre 2001 che ha cambiato le sorti del mondo dando il via alla stagione del terrore che tutt’oggi viviamo. Oggi è l’anniversario dell’attentato alle Torri Gemelle di New York che nessuno di quelli che all’epoca avevano un’età sufficiente ad averne ricordo potrà mai dimenticare.

11 settembre 2001

Era un tranquillo, ammesso che il concetto di tranquillità esista a New York, martedì mattina quando due aerei si andarono a schiantare in rapida successione contro le due maestose torri del Word Trade Center di New York che caddero in macerie portando con sé un numero di morti nell’ordine delle migliaia. Qusi in contemporanea un altro aereo andò a schiantarsi contro il Pentagono, mentre un altro, presumibilmente diretto contro la Casa Bianca o il Campidoglio precipitò in Pennsylvania.

Attentato Torri Gemelle: le teorie del complotto

La notizia giunse immediatamente anche in Italia con edizioni straordinarie di tutti i Tg nazionali. Molti dei più giovani ricorderanno di aver appreso della notizia attraverso l’edizione straordinaria del Tg3  che interruppe il noto programma per bambini ”Melevisione”. Quel terribile attacco causò un’ondata di indignazione globale e diede il pretesto agli Stati Uniti di invadere l’Afganistan dei Talebani, dando il via ai numerosi interventi militari americani in quelle zone del mondo che perderanno negli anni a venire ogni forma di equilibrio. Negli anni successivi all’11 settembre 2001 si svilupparono teorie del complotto di ogni tipo, teorie che trovano terreno fertile nelle tante cose strane relative alle indagini su quella vicenda, prima fra tutti il ritrovamento perfettamente intatto del passaporto di uno dei dirottatori degli aerei che abbatterono le Torri Gemelle. In rete abbondano i video di spiegazioni più o meno strampalate del perché la versione ufficiale di come andarono le cose non sia quella giusta e sono in molti a credere che fu tutto ordito dagli stessi Stati Uniti per avere il pretesto di invadere l’Afganistan. A sedici anni di distanza ancora si discute sulla verità relativa a uno dei più drammatici e influenti eventi della storia contemporanea.

 

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.