Berlino Film Festival 2017: Primi Film in concorso

Berlino Film Festival 2017: Primi Film in concorso

Ecco i primi titoli che vedremo in concorso al prossimo Berlino Film Festival.

Si terrà dal 9 al 18 febbraio 2017 il prossimo Berlino Film Festival. Come annunciato, il nuovo presidente di Giuria sarà il regista olandese Paul Verhoeven, quest’anno tornato alla ribalta grazie al film Elle con Isabelle Huppert, che raccoglie il testimone da Meryl Streep. Mentre l’identità degli altri membri della giuria è ancora ignota.

I film in gara, come  ogni anno, si contenderanno l’Orso d’oro per il miglior film.

Premio andato lo scorso anno- ricordiamo- al documentario Fuocoammare del nostro Gianfranco Rosi, film scelto poi dall’Italia per tentare la corsa agli Oscar, senza però essere riuscito ad entrare nella short-list. E mentre il programma del festival si sta a poco a poco definendo il sito ufficiale del festival svela già alcune indiscrezioni sulla 67esima edizione, a partire dai primi dieci titoli in concorso,  a cui si aggiungeranno poi altri.

Il primo titolo riguarda un ex vincitore dell’Orso d’oro: Calin Peter Netzer (vincitore qualche anno fa con Il caso Kerenes). Il regista rumeno porta Ana, mon amour, storia di una giovane coppia di universitari nella Bucarest contemporanea. Lo seguono altri due fortunati veterani del festival: il cileno Sébastian Lelio (vincitore per la migliore attrice di Gloria) e Oren Moverman (migliore sceneggiatura per The Messenger- Oltre le regole). Il primo porta Una mujer fantastica, che racconta di una donna dalla doppia vita: cameriera di giorno e cantante di notte; il secondo, invece, è in concorso con The Dinner, un film con una trama che ricorda vagamente Perfetti sconosciuti ma ambientato in un ristorante, con Richard Gere, Steven Coogan, Laura Linney, Rebecca Hall e Chloe Sevigny. E c’è anche un’altra presenza fissa del festival: Alain Gomis con Felicité, ambientato in Senegal e incentrato su una cantante madre di un figlio con una gamba amputata. Ben quattro donne in concorso: Sally Potter, Agnieszka Holland, Teresa Villaverde e Ildiko Enyedi.

La regista di Orlando arriva in concorso con la commedia nera (e in bianco e nero) The Party, che dalla trama ad un cast stellare sembra avere molte cose in comune con il film di Moverman. Spoor è invece il titolo del film della Holland un giallo fatto di neve e bracconieri. Poco si sa di Colo, il film della portoghese Teresa Villaverde, se non che dovrebbe avere per tema la disoccupazione.

La regista ungherese completa il quartetto rosa con On Body and Soul, un romance ambientato nel mondo sospeso tra il sonno e la veglia. Unico film tedesco in concorso, almeno per ora, è Beuys, il documentario di Andres Veiel incentrato sulla rivoluzione culturale in Germania e sulla figura di Joseph Beuys. L’ultimo titolo svelato è il finlandese The Other Side of the Hope di Aki Kaurismäki, un road-movie incentrato sull’incontro tra un commesso viaggiatore e un rifugiato siriano.

Laureato in DAMS all’Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso “Darkside Cinema” e “L’Atalante”, è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, “Interno familiare”. Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.