Ivanka Trump a Roma, Gaffe su Chinaglia: “Che Santo è?”

La gaffe di Ivanka Trump su Chinaglia durante la cena al ristorante di Roma "Le Cave di Sant'Ignazio"

Ieri sera, Ivanka Trump e suo marito Jared sono andati a cena in un celebre ristorante romano. Sulle pareti in alto, appesa, c’era la foto dello storico calciatore della Lazio Giorgio Chinaglia, incuriosita Ivanka ha chiesto: Che Santo è? La figlia del Presidente degli Stati Uniti, Ivanka Trump, si trova insieme al padre Donald e sua moglie Melania in visita a Roma.

Ivanka Trump e la foto di Chinaglia 

In visita a Roma con il padre, Ivanka ieri sera si è concessa una cena con suo marito Jared all’insegna del meglio della cucina romana. I due hanno scelto come ristorante il famoso “Le cave di Sant’Ignazio”, meglio conosciuto come Sabatino. Tra le foto appese, accanto a quella di Padre Pio, c’era una foto di Giorgio Chinaglia che guarda su in cielo, nel mezzo del campo di calcio.

Luigina Pantalone, una dei titolari, racconta che, alla domanda “Che Santo è?”, si sono affrettati a spiegare a Ivanka che Giorgio Chinaglia è uno storico attaccante della Lazio, anche detto Long John. A Roma come un po’ in tutta Italia, è normale vedere in ristoranti appese sia foto religiose, che foto di calciatori, idoli della squadra del proprietario. Forse per un americano deve essere qualcosa di insolito.

Il calcio una fede?

Molti considerano la passione calcistica e il tifo per una squadra una fede. L’amore o il supporto per una squadra, piuttosto che per un’altra, non si sceglie razionalmente, in qualche modo dal cuore veniamo portati a tifare per una piuttosto che per l’altra. Forse proprio così come per la fede, che nasce più dal cuore che da una scelta razionale.

In fondo spesso si parla di “fede” calcistica. Forse Ivanka Trump è più tifosa calcistica di quanto si possa pensare. Probabilmente si sarà detta: se il calcio, il tifo, è una fede, allora ogni squadra dovrà avere un suo Santo? Potrebbe essere un’ottima questione. Santo o no, sicuramente Giorgio Chinaglia, che con la Lazio vinse uno scudetto nel campionato 1973-74 e conquistò il primato dei cannonieri, viene ancora oggi “venerato”.

Laureata in Filosofia, sta per concludere la sua seconda laurea magistrale in Studi teatrali e del cinema alla Ludwig-Maximilians-Universität, di Monaco di Baviera. Originaria di Roma, ha vissuto a Berlino, Monaco e Parigi, dove ha studiato all’università Sorbonne. Appassionata di cinema, teatro, spettacolo e storia dell’arte. Nella scrittura unisce la riflessione teorica appresa dalla filosofia e l’amore per le arti.