Hayden Incidente News: indagato l’automobilista, il pilota ascoltava l’iPod?

Al momento dell'incidente Nicky Hayden, probabilmente, stava ascoltando musica con cuffie-auricolari. Rinvenuto sull'asfalto un iPod. Indagato l'autista della Peugeot

Sono trascorsi tre giorni dall’incidente avvenuto sulla Riccione-Tavoleto in cui è stato coinvolto Nicky Hayden. Le indagini proseguono e, attualmente, l’automobilista della Peugeot risulta essere indagato, emerge un importante dettaglio: il pilota ascoltava l’iPod prima di essere travolto? Si tratta di una possibile ipotesi sulla quale si sta investigando al fine di capire realmente le dinamiche dell’incidente.

La ricostruzione dell’incidente: l’automobilista indagato

Secondo una prima ricostruzione il 30-enne al volante della Peugeot stava viaggiando sulla Tavoleto quando, all’altezza di via Ca’ Raffaelli, è sbucato improvvisamente Hayden in bici, l’uomo non avrebbe fatto in tempo ad arrestare la vettura ed evitare l’impatto ma, tramite il suo avvocato, ha fatto sapere: “Stavo andando a lavoro, me lo sono ritrovato davanti all’improvviso dallo stop. È sbucato all’improvviso, non l’avevo visto”. Il ragazzo, in stato di shock, si è quindi sottoposto all’alcoltest, risultato negativo, e agli altri test tossicologici dei quali si conoscerà il risultato nei prossimi giorni.

Il suo pensiero resta fisso su Nicky Hayden: “Prego per lui, non riesco a pensare ad altro”. Le notizie che giungono dall’ospedale sono però poco rassicuranti. Le condizioni del pilota rimangono, seppur stabili, gravissime e attorno a lui si è raccolta tutta la famiglia, giunta dall’America subito dopo il tragico incidente, gli amici e i colleghi. L’automobilista invece è stato iscritto sul registro degli indagati per lesioni.

Dinamiche dell’incidente: Hayden ascoltava l’iPod?

Dalle indagini, intanto, emergono ulteriori dettagli: dopo lo scontro, è stato rinvenuto un iPod acceso. Si sospetta dunque che al momento dell’incidente Hayden stesse ascoltando musica con le cuffie alle orecchie e probabilmente questo gli avrebbe impedito di sentire il sopraggiungere della Peugeot. Le forze dell’ordine continuano il proprio lavoro investigativo e, al fine di avere un quadro chiaro, è stato richiesta una consulenza tecnica utile a valutare la velocità alla quale l’auto stava viaggiando. Sull’asfalto non sono stati rinvenuti segni di frenata.