Vigili del Fuoco appiccavano incendi per l’indennità: indagati a Ragusa

A Ragusa 15 Vigili del Fuoco, durante il turno come volontari, appiccavano il fuoco e intervenivano con l'autobotte per percepire l'indennità. Arrestato il capogruppo.

Esplosione a Solopaca (Benevento): feriti gravi per una fuga di gas

Approfittare dell’allarme incendi per guadagnare di più: così un gruppo di Vigili del Fuoco di Ragusa, dipartimento di Santa Croce Camerina, durante il turno come volontario appiccavano il fuoco e intervenivano con l’autobotte per domarlo. In questo modo percepivano l’indennità. Indagati per truffa.

Incendi appiccati da Vigili del Fuoco: il piano

Quella 2017 può essere definita l’estate degli incendi, ad andare a fuoco in particolare le regioni Sud Italia e tra queste la Sicilia. Diversi gli interventi richiesti ai Vigili del Fuoco per domare roghi divampati nelle ore più calde della giornata, ma in provincia di Ragusa ad appiccare un gran numero di incendi erano gli stessi Vigili del Fuoco per percepire l’indennità (€ 10.00 all’ora). Secondo le ricostruzioni pare che un gruppo di 15 pompieri, appartenenti al dipartimento di Santa Croce Camerina, durante il proprio turno come volontario era solito uscire per spegnere degli incendi appiccati dal capogruppo. Questi usciva di proposito con il suo furgoncino e, provocate le fiamme, faceva ritorno nella propria stazione dalla quale partiva poi l’autobotte.

Cronaca Lamezia Terme, scoppia incendio tra Scordovillo e Ospedale Pubblico

Vigili del Fuoco appiccavano incendi: arrestato il capogruppo

Una media di 120 interventi, quelli effettuati dal gruppo in questione, contro i 40 degli altri colleghi, differenze che hanno allarmato la Polizia e dalle quali sono partite le indagini. Dalle intercettazioni la “confessione spontanea”: “Loro sanno che abbiamo dato noi fuoco, sanno tutto”. Emerse anche le modalità con le quali il gruppo di 15 Vigili del Fuoco, adesso sotto indagine, operava: in alcuni casi questi simulavano interventi e segnalazioni su incendi inesistenti; in altri casi invece agivano con la complicità di alcuni familiari che avvisavano dell’incendio probabilmente appiccato dal capogruppo. Quest’ultimo si trova attualmente agli arresti domiciliari.