Zsa Zsa Gabor morta: l’attrice colpita da arresto cardiaco

Si è spenta a 99 anni la stella di Hollywood Zsa Zsa Gabor

Si è spenta a Los Angeles per un attacco cardiaco proprio alla soglia dei 100 anni, che avrebbe compiuto il prossimo 6 febbraio, nella sua lussuosa villa Bel Air, circondata dall’intimità di amici e parenti e del marito il principe Frederic von Anhalt.

Le condizioni della star erano, da tempo, difficili: affetta da demenza senile, amputata ad una gamba, viveva grazie alle macchine ormai da cinque anni, incapace di parlare. E lo scorso anno era anche stata ricoverata per difficoltà respiratorie.

Ungherese naturalizzata statunitense, Zsa Zsa Gabor, nome d’arte di Sari Gabor, era nata a Budapest e nella Hollywood classica era l’emblema della mondanità. Conosciuta più per le sue vicissitudini sentimentali che per la sua carriera d’attrice, è stata infatti sposata ben deci volte. Tra i suoi mariti, si conta anche l’attore britannico George Sanders, terzo matrimonio dell’attrice, celebre soprattutto per il ruolo di Addison DeWitt in Eva contro Eva di Joseph L. Mankiewicz (interpretazione premiata con l’Oscar). Ha avuto due sorelle entrambe attrici, Magda ed Eva, e delle tre sorelle Gabor è la sola a diventare madre di un’unica figlia, Constance Francesca, scomparsa nel 2015, e frutto di una violenza del suo secondo marito Conrad Hilton. Secondo quanto dichiarato dalla stessa attrice, durante questo matrimonio avrebbe avuto una relazione con il figliastro Conrad Hilton jr.

Eletta Miss Ungheria nel 1936, ha poi intrapreso la carriera di attrice. 

Viene accreditata col suo nome d’arte per la prima volta nel 1952 in Matrimoni a sorpresa di Edmund Goulding. Nello stesso anno è Jane Avril, la più celebre stella del Moulin Rouge di John Huston, biopic su Henri de Toulouse-Lautrec, interpretato da José Ferrer. E’ poi in Lili di Charles Walter e con Leslie Caron. Di qui, in poi, la sua carriera è costellata di piccoli ruoli ma in pellicole di spicco, come L’infernale Quinlan di Orson Welles, o al servizio di registi importanti come Vicente Minnelli.

A lei è intitolato l’asteroide 166614 Zsazsa, scoperto nel 2002.

Laureato in DAMS all’Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso “Darkside Cinema” e “L’Atalante”, è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, “Interno familiare”. Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.