730 Precompilato 2019: Novità e Scadenza

Da oggi è disponibile il modello 730 precompilato per il 2019. Ecco le princiapli novità ed entro quando va inviato.

730 precompilato online

Da oggi è disponibile online sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello 730 precompilato valido per il 2019. La scadenza entro cui andrà inviato è quella del 23 luglio e per quest’anno sono previste diverse novità come il ”bonus verde” per la sistemazione di aree verdi private o condominiali o le detrazioni per gli abbonamenti a bus o treni. Detrazioni anche per le somme versate dal 1 gennaio 2018 per assicurazioni contro le calamità naturali.

L’Agenzia delle Entrate punta a incrementare il numero di cittadini che aderiscono ogni anno al 730 precompilato senza passare da Caf o studi di commercialisti, ma scopriamo insieme informazioni utili su come utilizzare il modello 730 precompilato nel 2019 e, in caso di eventuali errori o incongruenze, come modificarlo.

730 precompilato 2019

Come detto, il modello 730 precompilato è scaricabile online sul sito dell’Agenzia delle Entrate già da oggi ed è possibile inviarlo entro il 23 luglio 2019 salvo proroghe. Per accedere al download del modello è necessario accedere tramite spid, il sistema pubblico di identità digitale. Da quest’anno è possibile usufruire della modalità di compilazione semplificata che, a differenza della modalità tradizionale, permetterà al contribuente di modificare in maniera guidata le voci presenti nel quadro E del modello per inserire oneri detraibili o deducibili che non erano state prese in considerazione dall’Agenzia delle Entrate nella preparazione del 730 precompilato. Sarà il sistema a ricalcolare in automatico gli importi della dichiarazione dei redditi in base alle modifiche apportate.

L’Agenzia delle Entrate, attraverso l’enorme mole di dati che i suoi server gestiscono, è in grado di inserire nei modelli 730 precompilati molte informazioni su redditi e eventuali voci detraibili come spese sanitarie, di istruzione o di altro genere. Come anticipato, quest’anno ci sono numerose novità come il bonus per i lavori in zone condominiali comuni oppure le detrazioni per la sottoscrizione di assicurazioni contro le calamità naturali per immobili a uso abitativo.

Pubblicato da Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.