Attualità

Alce Nero santo: primo pellerossa canonizzato?

La richiesta per avviare il processo di santificazione è stata approvata dai vescovi americani nella Conferenza di Baltimora. Il 21 ottobre 2017 è stata celebrata la messa solenne per sancire l’ apertura del processo di canonizzazione.

Alce Nero Santo

Alce Nero ha ricevuto il battesimo ormai adulto, nel giorno di San Nicola e i missionari gli dettero Nicholas come nome da cristiano.

Da quel momento battezzò a sua volta centinaia di Sioux e altri indiani, si impegnò nel far conoscere la Bibbia, celebrò messe e visse umilmente fino alla morte.

Tutto è incominciato dal desiderio di alcuni suoi discendenti, che hanno presentato la richiesta di santificazione al vescovo di Rapid City (South Dakota). I vescovi americani, nella loro ultima conferenza a Baltimora, hanno deciso di accogliere tale richiesta.

Inizia un procedimento piuttosto complesso che prevede prima la beatificazione e poi la santificazione. Si dovranno raccogliere prove che dimostrino che il capo Sioux abbia vissuto praticando le virtù teologali e cardinali “in modo eroico” e che siano ascrivibili alla sua intercessione almeno due miracoli.

La vita

Nato nel 1863, a soli 12 anni combatté con Toro Seduto nella battaglia del Little Bighorn contro gli Americani guidati dal generale Custer, infliggendo loro una leggendaria sconfitta!

Dal 1887 al 1890 accompagna Buffalo Bill in giro per il mondo, partecipando al suo spettacolo circense western.

Nel 1904, ormai adulto si converte al cattolicesimo e riceve il battesimo.

La sua fama è legata soprattutto alle sue capacità sciamaniche e alle visioni che ebbe nel corso della vita. A 9 anni ebbe la prima durante una malattia; è nota come la “Grande Visione“, è ricca di simboli e difficile da decifrare.

Morì nel 1950 nella riserva di Pine Ridge (South Dakota).

Sarebbe il primo santo pellerossa, andando ad  affiancarsi alla prima santa pellerossa Kateri Tekakwitha, canonizzata da papa Benedetto XVI nel 2012.

Alcuni Dubbi

Secondo alcune dichiarazioni raccolte dal “New Yorker” durante un’ intervista ai Sioux di Pine Ridge, la comunità indiana appare divisa in merito a questa faccenda. Alcuni discendenti non sono d’accordo sulla conversione di Alce Nero. La bisnipote Charlotte, dichiarata pagana, afferma:” In famiglia girano storie che i missionari cercavano di battezzarlo, e lui correva a nascondersi sotto il letto”.

Quindi secondo loro la conversione sarebbe stata solo esteriore e non sentita dal grande capo Sioux.

In ogni caso le indagini e il processo per la santificazione hanno ormai avuto inizio e si dovrà attendere per scoprire gli sviluppi.

Gaia Cattaneo

Studio Storia presso l’ Università degli Studi di Milano. Le miei passioni sono leggere e scrivere. Amo viaggiare e partecipare a mostre ed eventi. “Non si scrive perché si ha qualcosa da dire ma perché si ha voglia di dire qualcosa”, Emil Cioran

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close