Calcioscommesse, Squalifica Izzo ridotta a 6 mesi

È stata ridotta a 6 mesi la squalifica di Armando Izzo, difensore del Genoa. Il giocatore, accusato di omessa denuncia nell'ambito del calcioscommesse, ritornerà in campo a metà ottobre.

Ad Armando Izzo è stata ridotta la squalifica per calcioscommesse da 18 a 6 mesi. Questa è stata la decisione presa dalla Corte Federale d’Appello che ha accolto, solo in parte, il ricorso che è stato fatto dall’avvocato del giocatore. Il difensore del Genoa, quindi, scenderà in campo a metà ottobre della prossima stagione.

Implicato nella vicenda combine relativa ai due match disputati dall’Avellino nella primavera del 2014, Armando Izzo, attuale giocatore del Grifone e all’epoca militante nei Lupi, qualche mese fa era stato squalificato per 18 mesi con l’accusa di omessa denuncia, squalifica che gli ha impedito quindi di calcare i campi della Serie A. Dopo la condanna in primo grado, il difensore che ha militato anche nella Nazionale italiana Under 21 ha presentato ricorso e nella giornata di oggi ne è stato reso noto il responso.

Squalifica Izzo: ricorso parzialmente accolto

Si tratta di una vera e propria svolta. La Corte Federale d’Appello, infatti, ha parzialmente accolto il ricorso e ridotto la squalifica di Armando Izzo che non sarà più quindi di 18 mesi, ma sarà “solamente” di 6 e permetterà così al giocatore di essere arruolabile da metà ottobre. La riduzione, peraltro, non ha riguardato solamente i mesi di squalifica ma anche la multa che il giocatore dovrà pagare. L’ammenda non sarà più di 50 mila euro bensì ammonterà a 30 mila.