Attacco Kamikaze Ambasciata Cinese a Kirghizistan: 3 Feriti

Attentato Suicida dell'Isis in Yemen, almeno 45 morti

Poche ore fa c’è stato un attentato ai danni dell’ambasciata cinese a Bishkek, la capitale del Kirghizistan. Un’auto guidata da un kamikaze è esplosa dopo aver superato i cancelli dell’ambasciata e ha ferito tre persone. Il vicepremier Jenish Razakov ha spiegato ai media com’è la situazione: “Solamente il kamikaze è morto mentre le guardie di sicurezza sono ferite”.

In questa situazione, due fonti hanno sparso informazioni sull’accaduto. Una fonte di “proprietà” della polizia kirghiza ha riferito loro che un auto, più precisamente, una Mitsubishi Delica, ha demolito il cancello d’entrata e poi è esplosa nel centro del complesso diplomatico che, oltretutto, si trova poco distante dalla residenza dell’ambasciatore cinese. Un’altra fonte, invece, di “proprietà” del servizio di sicurezza nazionale ha aggiunto che all’interno del veicolo si trovava un “congegno esplosivo“.

Inoltre, le fonti mediche, confermano quanto detto dal vicepremier Razakov ovvero che l’unico morto è l’attentatore mentre due guardie kirghize che facevano parte del personale dell’ambasciata e una donna sono rimasti lievemente ferite.

Pertanto, sia gli impiegati dell’ambasciata cinese e sia quelli dell’ambasciata americana, poco distante, hanno lasciato la zone per problemi di sicurezza.