Avellino Calcio: i possibili nuovi proprietari

Dopo l’esclusione definitiva dalla Serie B ecco chi potrebbe essere il nuovo proprietario dell’Avellino.

tifosi-avellino-calcio

Dopo la sentenza del TAR, l’Avellino è ufficialmente fuori dalla prossima Serie B e deve pensare a programmare l’ennesima ripartenza dai bassifondi del calcio italiano. Scadeva oggi alle 14:00 il bando emanato dal Comune di Avellino per poter dare vita a una società che rappresenti la città nel prossimo campionato di Serie D.

Al momento si stanno vagliando le offerte presentate e una notizia ufficiale non si avrà prima di sera, ma, per adesso, andiamo insieme a scoprire quali sono le principali proposte per far ripartire il calcio ad Avellino dopo il clamoroso fallimento della gestione Taccone.

Le proposte

La proposta che a detta di molti sembra essere quella maggiormente accreditata a essere accolta sembrerebbe essere quella di Giannandrea De Cesare, già proprietario della Scandone Avellino, che sembrerebbe interessato a legare strettamente queste due società in modo tale da creare una sorta di polisportiva, cosa in Italia ancora sconosciuta ma che all’estero è prassi da anni. A fare concorrenza a De Cesare c’è la proposta di Enrico Preziosi e Luca Marinelli, mentre una terza alternativa sarebbe rappresentata dalla cordata composta da Angelo D’Agostino e Carlo Matarrazzo. In corsa anche il terzetto di imprenditori composto da Giovanni Lombardi, Gianni Improta e Giampiero Samorì.

Adesso non resta che attendere la decisione del sindaco Ciampi a seguito della quale bisognerà poi accelerare i tempi per l’affiliazione alla Figc e l’iscrizione al campionato che, quasi certamente, sarà quello di Serie D.

Pubblicato da Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.