Benedetto XVI difende Papa Francesco in una lettera

Il papa emerito parla del suo successore in una lettera.

Il papa emerito Benedetto XVI e Papa Francesco

Domani saranno cinque anni dall’elezione in conclave di uno dei papi più anticonformisti di sempre. È con una missiva, letta dal prefetto della segreteria per la comunicazione, Dario Viganò, in occasione della presentazione della collana “La teologia di Papa Francesco”, che Benedetto decide di parlare in difesa del papa che gli è succeduto.

Una lettera indirizzata soprattutto alle frange tradizionaliste che hanno sempre messo in discussione l’elezione in conclave, le modalità d’azione, e il modo di agire troppo popolare di Francesco. Ratzinger, conosciuto e ricordato soprattutto per i suoi scritti, ha dichiarato e contestato lo “stolto pregiudizio per cui papa Francesco sarebbe solo un uomo pratico privo di particolare formazione teologica o filosofica, mentre io – aggiunge Ratzinger – sarei stato unicamente un teorico della teologia che poco avrebbe capito della vita concreta di un cristiano di oggi”. Un richiamo, questo, con il quale Benedetto XVI sembra voler attribuire un’altra visione anche del proprio magistero. Il pontefice tedesco, evidenzia l’esistenza di “una continuità interiore tra i due pontificati, pur con tutte le differenze di stile e di temperamento”.