Attualità

Bruno Gulotta e Luca Russo: i due italiani morti nell’attentato di Barcellona

L’attentato avvenuto a Barcellona il 17 agosto, sulla Rambla, ha causato 14 vittime e 134 feriti. Tra le vittime due italiani: Bruno Gulotta e Luca Russo. La notizia della morte della prima vittima, Bruno Gulotta è giunta da alcuni dei suoi colleghi di lavoro. Sapevano che l’uomo si trovava in vacanza a Barcellona con la sua famiglia e dopo aver ricevuto la notizia dell’attentato hanno provato a contattarlo senza successo. Dopo qualche ora la moglie, Martina, ha contattato i colleghi per informarli della morte del marito. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato un messaggio di cordoglio al Re di Spagna, Felipe VI.

Bruno Gulotta: morto per mettere in salvo il figlio

Bruno Gulotta aveva 35 anni ed era residente a Legnano. Era responsabile marketing e vendite del sito “Tom’s Hardware“.  Si trovava a Barcellona in vacanza con la moglie e due figli. La moglie, Martina, ha raccontato le dinamiche della vicenda. La famiglia si trovava a passeggiare sulla Rambla, la donna teneva in braccio la figlia Aria, 7 mesi, e il marito teneva per mano il figlio Alessandro, 5 anni. Improvvisamente il furgone ha iniziato a scagliarsi sulla folla e Bruno ha fatto in tempo a spostare il bambino che è stato tirato via dalla madre.

Per lui però non c’è stata possibilità di salvezza: è morto sul colpo, con le gambe spezzate e sanguinante. Bruno è morto sotto agli occhi dei suoi due bambini e di sua moglie. Circa 20 minuti prima aveva postato su Facebook la foto della Rambla. I suoi colleghi lo ricordano: “Gulotta era un punto di riferimento per tutti quelli che lo hanno conosciuto. Per noi di Tom’s Hardware era una colonna portante”.

Luca Russo: il giovane italiano morto nell’attentato

Luca Russo è la seconda vittima italiana dell’attentato avvenuto a Barcellona. Aveva appena 25 anni ed era laureato in ingegneria energetica. Il ragazzo era di Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza. Si trovava a Barcellona con la ragazza, Marta Scomazzon, ricoverata in ospedale con fratture al piede e al gomito; i suoi genitori sono subito accorsi da lei nella capitale spagnola. La sorella di Luca, Chiara, ha lanciato un appello su Facebook: “Aiutatemi a riportarlo a casa”.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close