Musica

Cesare Cremonini, Sold Out a SanSiro

E’ partito ieri da San Siro il primo tour negli stadi di Cesare Cremonini, artista bolognese, dopo la data zero sold out a Lignano Sabbiadoro.
Un esordio con i fiocchi dato il sold out certificato ancora in prevendita nel pomeriggio del grande evento.
58 mila erano i fan ad attenderlo sotto il suo palco, impazienti di vederlo per la prima volta nello stadio più sognato dai cantanti italiani.

Un inizio “nudo”, che rispecchia in pieno la volontà dell’ artista di mettere al centro la musica; perché si sa, in un tempio come SanSiro è facile che il palco e le varie coreografie che dovrebbero fare da “cornice” all’ evento, finiscano per diventarne i veri protagonisti.
Cremonini esce da una botola al centro del palco con una giacca bianca e delle scarpe dorate mentre un piano elettrico attacca con “Cercando Camilla”.
Il palco è momentaneamente spento, ci sono solo lui e la musica, a metà canzone, però, tutto si accende e parte dal palco un esplosione di stelle filanti.
Un inizio emozionante coronato dal benvenuto di Cesare, in coda alla canzone: “Benvenuti nel miglior scenario possibile, benvenuti nel mio sogno”

Un gran bel palco con luci e laser che richiamano la copertina del suo ultimo album, perché come ci racconta, è fondamentale rispecchiare la linea artistica del cd.
“Faccio concerti perché faccio dischi.Tutto è destinato ad essere coerente. Gli arrangiamenti sono quelli, fedeli al disco. L’ego può giocare brutti scherzi nei concerti, puoi dimenticare chi sei e il motivo per cui ti vengono a vedere. Per la parte spettacolare, il disco aveva già una linea artistica, estetica e visionaria sua, che è stata rispettata. La perfezione è nel binomio tra spettacolarizzazione e canzoni. Non sono l’inaugurazione delle olimpiadi, sono sempre concerti. Sento questa sacralità di ogni stadio”.

Cremonini è perfettamente a suo agio su quel palco a cui ambiva fin da ragazzino, ha sempre pensato ai suoi concerti nei palazzetti come se si trattassero di live negli stadi e nel 2018 finalmente è riuscito a realizzare alla grande il suo sogno, con quasi 20 anni di carriera alle spalle, dagli esordi con i Lunapop.

L’ artista li racconta magnificamente i suoi 19 anni di carriera, sceglie infatti una scaletta ampia e variegata; c’è tutto, dai brani degli esordi come “50 Special”, ai grandi successi come solista (“Marmellata#25) e ai successi degli ultimi anni per poi con “un giorno migliore” tra gli applausi e l’ emozione dei fan.

“Sono arrivato negli stadi e ho tutta l’intenzione di rimanerci, sono arrivati nel momento giusto, adesso che posso suonarci portandoci tutto il mio percorso”

SCALETTA

Cercando Camilla (intro)
Possibili scenari
Kashmir Kashmir
Padremadre
Il comico (sai che risate)
La nuova stella di Broadway
Latin lover
Lost in the weekend
Un uomo nuovo
Buon viaggio

(set acustico)
Figlio di un re
Una come te
Vieni a vedere perché
Le sei e ventisei

Mondo
Logico
Greygoose

(set acustico chitarra)
Dev’essere così

Il pagliaccio
50 Special
Marmellata #25
Poetica
Nessuno vuole essere Robin
Un giorno migliore

BAND

Cesare Cremonini – voce, pianoforte, chitarra
Nicola “Ballo” Balestri – basso
Andrea Morelli – chitarre elettriche e acustiche
Alessandro de Crescenzo – chitarre elettriche e acustiche Michele Guidi – tastiere
Bruno Zucchetti – tastiere
Andrea Fontana – batteria
Andrea Giuffredi – tromba
Massimo Zanotti – Trombone
Gabriele Bolognesi – Sax e flauto traverso
Annastella Camporeale – cori
Gigi Fazio – cori, chitarra acustica.

Cremonini Stadi 2018”, un tour, organizzato da Live Nation Italia, che farà tappa, questo sabato, allo stadio Olimpico di Roma, poi concludersi allo Stadio Dall’Ara (Sold Out), nella sua cara Bologna.

Resta aggiornato - Segui Newsly.it

Jennifer Caspani

Impugnò per la prima volta la penna a 2 anni e da li capì che non l' avrebbe mai più lasciata, della serie "Verba volant, scripta manent" citando Caio Tito.Scoprì poi, che la magia nasce cucendo su misura ad un' ottimo testo una melodia alquanto perfetta e da li cominciò ad appassionarsi alla musica.Realizzò solo al suo primo concerto (MDNA di Madonna) che la vera alchimia é una perfetta unione tra testo, melodia ed emozioni che si possono trasmettere e provare solo in live.Motto: "la vera felicità si prova sotto a un palco"

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close