Chi è Chiara Ferragni? l’imprenditrice che ha sposato Fedez

Da fashion blogger ad imprenditrice digitale: un viaggio dentro al fenomeno Chiara Ferragni.

Chiara Ferragni su Instagram: le foto impazzano sul web

Oggi è il giorno del grande ‘si’ dei Ferragnez – nato dall’unione tra Ferragni e Fedez. Un matrimonio diventano fenomeno mediatico, come fenomeni sono i protagonisti di questa storia, forse lei un po’ più incredibile di lui, che ha reso questo ‘si’ ancora più grande. Quasi mondiale. 

Chiara nasce a Cremona, il 7 Maggio 1987, da Marco Ferragni e Marina di Guardo. Da liceale ha studiato al Liceo linguistico Daniele Manin, sempre nella città natia, salvo poi prendere baracca e burattini e spostarsi alla Bocconi. Non ha mai finito il percorso di giurisprudenza intrapreso ma, forse, c’è da dire: meglio così. 

Nel 2009, a 22 anni, comincia a parlare di moda online, il suo personalissimo modo di vestire ed esperire il fashion raccontato tramite il blog ‘The Blonde Salad’. L’anno dopo ha presentato la sua prima linea di scarpe e nel 2013 il fatturato è stato complessivamente di due milioni e 200mila euro, mica noccioline. 

Ma Chiara è una che sa quello che vuole e che, sopratutto, ha talento. Perché ci vuole anche quello per fare l’imprenditrice. Ci vuole il pelo sullo stomaco, e Chiara ce l’ha. Sarà pure per questo che a soli 28 anni, nel 2015, è diventata la prima Fashion Blogger – ma diciamo pure imprenditrice – ad apparire sulla copertina di Vogue. Siccome Chiara non si accontenta mai, lo stesso anno, con 10 milioni di dollari di fatturato, è stata oggetto di studio all’ Harvard Business School, e loro di imprenditoria sicuramente qualcosa ne capiscono.  

Chiara Ferragni è autorevole, per questo piace, ed ha totalmente sdoganato l’immagine della bionda stupida. Che piaccia o meno, la donna definita da Forbes come ‘l’influencer di moda più importante al mondo’, si è fatta il proverbiale ‘mazzo’ per arrivare ad ottenere quello che ha oggi, perché un impero non si tira su da solo e, sopratutto, non resta tale in eterno, anche se hai i soldi. 

Quanti di noi possono dire di avere una Barbie, creata appositamente dalla Mattel, con le nostre sembianze? Probabilmente nessuno, perché nessuno è arrivato dov’è arrivata lei. Scaltra, furba, ma anche geniale ed intraprendente, mai uguale a se stessa; per questo su Instagram conta oltre 14 milioni di followers: perché sa tenerseli. Perché lei, qualcuno lo dirà con sdegno o disgusto, come se fosse una colpa, è: social. Come se fosse questo il problema, l’essere social. L’essere ‘troppo’ social, pardon. Un po’ come se nel 2018 nessuno di noi avesse mano al telefonino per ‘instragammare’ la propria giornata al mare, per farsi un ‘selfie’, condividere la propria idea politica, o anche solo per leggere questo pezzo. 

Siamo tutti social. Ci siamo dentro, ne siamo impantanati fino al collo e Chiara l’ha trasformata nella sua fonte di guadagno. Un punto per lei. Se poi ci mettiamo che anche chi ha qualcosa da recriminarle deve essere ’social’ per trovare un riscontro… Si comincia a capire perché lei è lei e noi, beh sapete come si dice

Perché nessuno nega che Chiara Ferragni avesse i soldi del ‘paparino’, ma così come lei molte altre blogger, aspiranti impenditrici, che nessuno sa che fine abbiano fatto. Chiara sarà anche stata lanciata verso l’alto perché il padre è facoltoso, ma la in alto ci è rimasta solo grazie alle sue capacità come donna d’affari, altrimenti, come tanti altri, pur con i soldi avrebbe fallito ( il flop di Ibrahimović nel campo della moda, presente? ). E questo merito, anche in un’Italia che ancora tende sminuire il successo delle donne, nessuno glielo può togliere.