Chi è Piatek? Caratterisitche e Wiki del nuovo attaccante del Milan

Focus sul giovane attaccante polacco Krzysztof Piatek richiesto dal Milan per sostituire Higuain.

Piatek

Colpo di mercato del Milan, che si è assicurato il bomber del Genoa Krzysztof Piatek per 35 milioni. Trattativa decollata dopo la limatura sui dettagli economici dell’operazione che non prevede più contropartite tecniche, in questi giorni si era ripetutamente parlato di Bertolacci e Jose Mauri, ma solo il pagamento della somma pattuita in un’unica trance.

Al termine dell’incontro di mercato, durato tutto il pomeriggio, tra ambedue le parti si respirava piena soddisfazione. Il summit tenutosi a Milano ha visto coinvolti per il Genoa i dirigenti Zarbano e Perinetti più il presidente Preziosi mentre a rappresentare il Milan vi erano i freschi dirigenti Maldini e Leonardo col presidente Paolo Scaroni che al termine ha rilasciato la seguente dichiarazione:<< La trattiva per Piatek non è in alto mare e siamo contenti per questo>>. Gli unici mugugni arrivano dai tifosi del Genoa che vedono per l’ennesima volta partire uno dei loro beniamini, un giovane attaccante arrivato da sconosciuto e capace di attirare le attenzioni dei migliori club europei a suon di gol, l’ennesima punta dei grifoni a fare le valigie in nome delle plusvalenze. Discorso diverso in casa Milan dove Piatek sostituirà molto probabilmente Gonzalo Higuain deciso a riabbracciare il suo vecchio allenatore Maurizio Sarri al Chelsea.

Chi è Krzysztof Piatek?

Il giovane polacco con i suoi 13 gol ha monopolizzato le attenzioni ed il Milan, a causa della partenza del suo bomber, è stata la più lesta ad offrire un contratto all’attaccante entrato anche nel giro della nazionale. Krzysztof Piatek è nato a Dzierzoniow, in Polonia, il 1 Luglio del 1995 e comincia la sua promettente carriera nel club del suo paese natale, da dove nel 2013 passa nella seconda serie tra le file del Zagliebe Lubin dove messosi in mostra attira le attenzioni del KS Cracovia che lo fa debuttare nella massima serie nel 2016 e con i quali diventa il terzo miglior attaccante con ventuno reti l’anno successivo. Le sue prestazioni attirano l’attenzione del Genoa che lo porta in Italia dove esordisce in Coppa Italia contro il Lecce segnando ben quattro reti in soli 37 minuti, anche il suo esordio in Serie A è segnato da un gol cui seguiranno altri 5 nelle stesse giornate di campionato, insomma un debutto in uno dei più difficili campionati da vero predestinato, un talento emergente che adesso dovrà però confrontarsi con un’ambiente più stimolante, ma al tempo stesso più opprimente, orfano di Gonzalo Higuain.