Sport

Chi è Rebecca Braglia? La rugbysta morta a Ravenna per un placcaggio

Oggi si è spenta Rebecca Braglia, rugbysta appena 18enne di Reggio Emilia che domenica scorsa era entrata in coma a seguito di una brutta caduta durante una partita di Coppa Italia a Ravenna. Nel tentativo di placcare un’avversaria, Rebecca aveva battuto violentemente la nuca. Immediati i soccorsi e il ricovero in Rianimazione all’ospedale Bufalini di Cesena, dove da subito i medici avevano dichiarato che le condizioni della ragazza erano disperate. Ma il papà di Rebecca, Giuliano Braglia, non poteva smettere di sperare nel risveglio della figlia e aveva chiesto a tutti una preghiera per lei sui social network: “Oramai la Medicina ha esaurito le munizioni, la Fede no. Pregate per Rebecca“. Purtroppo, la ragazza non ce l’ha fatta e si è spenta oggi.

Ringrazio tutti, ora Rebecca è nella Casa del Padre e prega per tutti coloro che le sono stati vicini con la preghiera” e “Rebecca era una rugbista e ringrazia tutti i rugbisti, ora gioca nel Campionato dei Cieli, voi dovete continuare quello terreno” sono stati i messaggi postati oggi del padre, che ha comunicato la notizia. La squadra in cui giocava Rebecca, l’Amatori Parma Rugby, e tutto il mondo del rugby piange la scomparsa della giovanissima giocatrice.

Tantissimi i messaggi di cordoglio: quello della Federazione Italiana Rugby, “Ciao, Rebecca. I pensieri di tutti i rugbisti italiani sono con la famiglia Braglia in questo tragico momento. #RipRebecca”, e quello del capitano della nazionale azzurra, Sergio Parisse: “Cara Rebecca… sono profondamente addolorato… mi stringo forte alla tua famiglia. Riposa in pace piccola“. Alfredo Gavazzi, Presidente della Federazione ha dichiarato “Come padre di famiglia e come uomo di rugby, prima che come Presidente federale, esprimo la mia vicinanza e le mie più sentite condoglianze alla famiglia di Rebecca. Siamo tutti toccati nel profondo da questa vicenda, e nel manifestare il sostegno di decine di migliaia di tesserati ai genitori, alla Società e agli amici di questa giovane atleta voglio ringraziare a nome della FIR tutto il personale medico e paramedico che sin dai primi istanti sul campo e successivamente presso l’Ospedale Bufalini ha prestato la propria professionalità per soccorrere Rebecca con la massima tempestività e nel rispetto dei protocolli previsti“. In memoria della ragazza, il Presidente ha anche disposto che questo weekend venga osservato un minuto di silenzio su tutti i campi d’Italia.

Tag

Eleonora Panseri

Milanese di adozione, romana di nascita. Classe 1994, laureata in “Lingue” all’Università La Sapienza di Roma, attualmente frequento il corso di laurea magistrale in “Editoria, culture della comunicazione e della moda” dell’Università degli Studi di Milano. Interessata a tutto ciò che accade nel mondo, sogno un futuro nel giornalismo. Nel tempo libero, leggo, scrivo e viaggio.
Back to top button
Close
Close