Cibi Portafortuna da Mangiare a Capodanno 2016

Cibi Portafortuna da Mangiare a Capodanno 2016

L’anno vecchio finisce ed uno nuovo comincia. Ognuno di noi stila liste lunghissime di buoni propositi e spera che l’anno che sta arrivando sia migliore di quello passato. Il cibo viene usato come portafortuna anche dalle persone meno superstiziose: su nessuna tavola infatti per il cenone di Capodanno mancano le lenticchie. Queste però sono solo il cibo portafortuna più conosciuto, ce ne sono anche altri. Ecco quali sono.

Cibi portafortuna a Capodanno

Riso, Bietola, Peperoncini, Mandarini, Uva, Melagrana, Lenticchie, sono tutti simboli d’abbondanza. Vediamo cosa simboleggiano nel dettaglio:
Riso: come le lenticchie, è simbolo d’abbondanza. In alcune culture si spargono i chicchi sulla tavola o si lascia crudo in una ciotolina.

Bietola: anche questa verdura è simbolo di abbondanza, mentre lenticchie e riso sembrano monete, la foglia della bietola ricorda i soldi di carta, le banconote.

Peperoncini rossi: non simboleggiano l’abbondanza, il loro effetto è scaramantico, tengono lontana la cattiva sorte, il tanto temuto “malocchio”.

Mandarini: insieme a tutti gli agrumi sono invece il simbolo di vita eterna, auspicio per una lunga vita. In particolare il mandarino cinese, con la sua forma di acini d’uva e per il colore quasi d’oro.

Melagrana: simbolo di ricchezza e fertilità. Il loro succo dolce è ottimo per condire anche risotti, primi piatti e insalate.

Uva: un cibo immancabile sulle tavole per il cenone di Capodanno. Secondo un detto: “chi mangia l’uva per Capodanno conta i quattrini tutto l’anno”.

Questi sono i cibi che non devono assolutamente mancare sulle vostre tavole la sera di Capodanno. Mentre, in base alle tradizioni, sarebbe meglio evitare: l’aragosta, simbolo di arresto al progresso e al miglioramento.

LEGGI:

Capodanno 2016, Consigli e idee per viverlo bene

Offerte cenone Capodanno 2016 Napoli

La Prova del Cuoco Oggi Ricette Anna Moroni: Cotechino in Corona Imperiale (video 28 dicembre)