Nel primo giorno di primavera arriva una ventata di freschezza nella musica leggera italiana, si chiama Cleò e ha recentemente pubblicato diverse cover in rete, senza mai mostrare il suo volto e nascondendo la sua vera identità. Da oggi 21 marzo è disponibile sul suo canale YouTube ufficiale, la sua personalissima versione del brano “Il dicembre degli aranci”, inciso nel 2005 da Mango ed eseguito in coppia con la consorte Laura Valente.

“É un omaggio sincero e appassionato alla Figura, all’Opera e alla Memoria di Pino Mango – racconta la voce misteriosa del web – per me il Demetrio Stratos della canzone d’autore italiana. Un Maestro della Voce, tra i pochissimi in grado di dar vita a un bicordo di canto e controcanto, eseguito con un’unica emissione vocale, oltre a sinuose alchimie e movenze vocali, ricercate e ineguagliabili, simili a fini e preziosi ricami a mano sulla seta”.

CLEO’ OMAGGIA UNO DEGLI ARTISTI PIU’ AMATI DI SEMPRE

Considero ‘Il dicembre degli aranci’ una commovente dichiarazione d’amore a due voci – prosegue l’artista – nel rileggere con affetto e rispetto la quale ho respirato a pieni polmoni il segreto delle unioni durature: una complicità esemplare, quella tra questi due giganti del belcanto, tanto nella vita quanto nell’arte, che sublima l’estasi dei sensi in una totale e imprescindibile fusione delle anime in un’eufonia superiore, sospesa tra Immanente e Trascendente. Mango è l’esploratore, lo sperimentatore per antonomasia della canzone d’autore italiana. Un insostituibile punto di riferimento. Merita di essere ricordato a dovere, e più spesso. Oltre alla voce unica, possedeva innata in sé un’abilità infinita nel miscelare gli echi delle radici con i suoni moderni, il folk e la melodia, il rock e il Mediterraneo. L’artista ha un dovere – soleva dire Mango – far riscoprire la bellezza del mondo a quanta più gente possibile, tramite quanto sa esprimere: è questa la strada che, sulla base del suo esempio illuminato e coerente, intendo anch’io seguire”.

CLEO’ E LA SUA VERSIONE DE “IL DICEMBRE DEGLI ARANCI”

La voce di Cleò, così particolare da riuscire a toccare note che soltanto pochi artisti in passato han saputo fare, è accompagnata in questa versione de “Il dicembre degli aranci” dal pianoforte dal Maestro Daniel Bestonzo, noto tastierista di Red Canzian, Annalisa Scarrone e Andrea Mirò. In rete è già disponibile anche un videoclip, realizzato da Antonio Augelli, in cui scorrono le immagini della coppia che eseguito originariamente il brano, impreziosito dalle frasi più belle composte dal cantautore lucano durante la sua carriera.

L’arancio fiorisce in primavera – conclude Cleò e i suoi fiori sono dedicati per eccellenza alle nozze. Nella mitologia greca, proprio l’arancio era stato il dono della Dea Terra a Zeus per il suo sposalizio, ed è per questa ragione che i suoi fiori sono considerati di buon auspicio in tal senso. Quando, nel 2005, uscì ‘Il dicembre degli aranci’, Pino Mango e Laura Valente erano già sposati, essendosi uniti in matrimonio nel 2004. Considero questa canzone un inno per tutti i veri grandi amori. Compreso quello artisticamente da me nutrito proprio per l’usignolo di Lagonegro e sua moglie, impareggiabile solista dei Matia Bazar del dopo Antonella Ruggiero, le cui cifre stilistiche sono state determinanti nella formazione, ricerca e sviluppo costante della mia vocalità intesa come strumento”.