Fedez J-Ax: collaborazione finita per colpa della cannabis

L’ultimo concerto a San Siro, lo scorso 1 Giugno.

Fedez e J-Ax, nuovo singolo “Assenzio”: Audio e Testo

Fedez J-Ax si sono salutati sul palco di San Siro, pochi giorni fa, quando hanno tenuto un concerto-evento che ha visto 80mila persone cantare e ballare sulle note di un sodalizio durato due anni. “La finale”, questo il titolo della serata, che faceva già presagire quali sarebbero stati gli sviluppi del sodalizio.

Il settimanale ‘Chi’ svela, in esclusiva, i veri motivi della fine della liaison artistica. La scelta di J-Ax di diventare testimonial della cannabis legale, che lui ha chiamato ‘Maria Salvador’, non sarebbe andata giù a Fedez, che non avrebbe mai condiviso questa decisione. Sul profilo Instagram del quasi marito della fashion blogger, Chiara Ferragni, l’ultima foto insieme risale ai primi di Maggio. Nessun ricordo del concerto sold-out, se non le foto dietro le quinte, con la sua compagna. Sul profilo del suo compagno di palco, J-Ax, lo stesso silenzio. Nessuna foto insieme, a parte una in cui Fedez è di spalle, e nessun riferimento a qualche, possibile, futura collaborazione. Una separazione professionale e umana, che sembra essere dipesa soprattutto da Fedez per scelte di vita che il rapper non ha mai accettato. Non è la prima amicizia famosa che Fedez decide di troncare. Di poco tempo fa, anche la sua rottura col collega Rovazzi. Un collega, ma soprattutto un amico. Cene e vacanze condivise, poi la fine di tutto, improvvisamente. I due hanno smesso anche di seguirsi sui social. Pare che di mezzo ci siano anche i rispettivi avvocati e che la separazione sia stata tutt’altro che consensuale. La goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso sarebbero le diverse vedute sulla carriera del giovane Rovazzi, che avrebbe preferito concentrarsi sul cinema anziché sulla musica e il suo ormai ex-amico non avrebbe condiviso questo cambio di rotta.

Migranti sbarcati a Catania

Catania: 900 migranti sbarcati al porto

Udienza Papa Francesco oggi 13 giugno 2018: “Mondiali di calcio occasione di dialogo”