Attualità

Giornata mondiale della felicità oggi 20 marzo

La prima Giornata Mondiale della Felicità si è celebrata per la prima volta nel 2013 e da allora l’Assemblea Generale dell’ONU valutando l’idea etica “La ricerca della felicità è uno scopo fondamentale dell’umanità“ ha deciso di adottarla ed istituirla.

Da quell’anno, il motto della Giornata Mondiale della felicità è “il benessere sociale, economico e ambientale sono inseparabili e insieme definiscono l’indice della felicità”. Quindi tutti gli Stati membri, insieme ad organismi internazionali e organizzazioni non governative colgono l’occasione per organizzare eventi di ogni tipo per poter far celebrare la giornata da ogni individuo piacevolmente. Per chi è alla ricerca della felicità può partecipare tra balli organizzati di tango o seguire un seminario gratuito di life-coaching. Per chi desidera dedicarsi qualche giorno in più, può approfittare e comprare il titolo per un viaggio con un piccolo sconto.

Durante una ricerca, la Cornell University ha dimostrato che il miglior modo per esprimere la propria felicità una persona è con l’acquisto di un viaggio. Il viaggio è un’esperienza unica, indelebile che resta per sempre a differenza di oggetti materiali e cioccolatini che possono svanire.

Infatti l’italiano preferisce il viaggio. E come spiega Eden Viaggi ,  primi posti della classifica sono la Sicilia e la Sardegna. Posti che  considerando le distanze italiane risultano un po’ lontani da raggiungere ma nello stesso tempo vicini, e le acque trasparenti del mare trasmettono libertà, felicità e sicurezza. La verità è che non esiste una formula precisa per la felicità ma sicuramente è una merce favolosa.

A Milano la Società italiana di Psicologia Positiva intende celebrare e propone un’iniziativa volta a esplorare la felicità nelle sue diverse accezioni, teoriche ed applicative. A Nizza invece sono previste 150 iniziative in 50 luoghi diversi, in Spagna sono previste serate immerse nel ballo mentre in Finlandia, Austria ed Inghilterra si regaleranno dei libri in strada.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close