Tecnologia

Google Speed Scorecard e Impact Calculator, online i nuovi tools

La velocità di caricamento delle pagine web assume un’importanza sempre maggiore, soprattutto da dispositivi mobile. Oltre ad essere – come più volte ribadito direttamente da Google – un fattore di posizionamento sempre più rilevante, può anche diventare l’ago della bilancia tra un progetto web di successo ed uno fallimentare.

Per questa ragione, Google ha annunciato il rilascio di due nuovi tools utili per monitorare in tempo reale le prestazioni di un sito web. Ecco, dunque, Google Speed Scorecard e Impact Calculator. Di seguito le caratteristiche di questi due nuovi strumenti, del tutto gratuiti, che “Big G.” mette a disposizione di webmaster, sviluppatori e di chiunque operi nel mondo del web.

GOOGLE SPEED SCORECARD, COS’E’ E COME FUNZIONA

Una dashboard veloce e intuitiva che consente in tempo reale di misurare i tempi di caricamento delle pagine di un determinato sito web. Non solo. A differenza di altri tools già esistenti (a partire dallo stesso Google Page Speed), Scorecard dà la possibilità di confrontare le prestazioni di quattro siti contemporaneamente.

I risultati sono immediati ed utilissimi per effettuare un rapido “match” con i competitor. Una volta selezionato il Paese (tra le circa 15 countries attualmente disponibili) e la velocità di connessione (3g o 4g) si ottiene subito il tempo di caricamento del sito inserito, espresso in secondi.

Ovviamente il tool più importante resta Google Page Speed, che fornisce direttamente informazioni sui correttivi e sulle implementazioni da apportare per abbattere i tempi di caricamento. Ma Scorecard fornisce un confronto rapido ed immediato, comprensibile anche da parte di chi non è un tecnico o non lavora nel settore. Insomma, da provare assolutamente…

GOOGLE IMPACT CALCULATOR, COS’E’ E COME FUNZIONA

All’interno della stessa pagina di Speed Scorecard c’è anche “Google Impact Calculator“, strumento utile soprattutto per siti di e-commerce. Testualmente, come si legge nella descrizione proposta proprio da “Big G.”, questo tool serve per calcolare l’impatto potenziale dei ricavi. “Le persone – scrive Google – si aspettano esperienze mobili veloci e senza attrito. E quando quelle aspettative non vengono soddisfatte, vanno avanti. Utilizzando i dati di benchmarking, abbiamo esaminato la potenziale velocità dell’effetto sui tassi di conversione. Usa il calcolatore di impatto per vedere cosa potrebbe significare per le tue entrate”.

Insomma, con Google Impact Calculator è possibile stimare le ripercussioni lato business (vendite online, conversioni, etc.) dovute appunto ai tempi di caricamento del sito web da dispositivi mobile. Quando gli utenti si ritrovano davanti pagine troppo lente tendono subito ad abbandonare quel sito.

Esattamente ciò che non deve accadere per chi gestisce un e-commerce.

Tag
Mostra tutto

Gianluca Capiraso

36 anni, avellinese, iscritto all'Albo Nazionale dei Giornalisti Pubblicisti dall'ormai lontano 2000. Appassionato di sport, tecnologia e web, è attualmente Search Marketing Specialist presso una Digital Agency con sede Milano.
Back to top button
Close
Close