Sport

Insulti razzisti a Maurizio Sarri dalla panchina del Burnley

“Italiano di m….”, così è stato definito dalla panchina avversaria il tecnico del Chelsea durante la sfida per la Premier League di ieri, finita con un 2-2 (N’Golo Kantè 12’ e Gonzalo Higuain 14’ / Jeff Hendrick 8’ e Ashley Barnes 24’) nello stadio di Fulham.

Colpito brutalmente, anche se solo verbalmente, il tecnico del Chelsea, Maurizio Sarri, non ha saputo contenersi e ha reagito, meritandosi così l’espulsione in una partita giocata in casa assolutamente deludente.

Insulti razzisti: la reazione di Sarri

Lo scontro verbale è avvenuto negli ultimi minuti di gioco del posticipo di Premier League giocato in casa presso lo stadio Stamford Bridge, e ad iniziare con le offese è stato un componente dello staff del Burnley definendo Sarri “Italiano di merda”. La risposta di Sarri non s’è fatta aspettare ed è stata altrettanto piccata, scatenando l’intervento del direttore di gara che lo ha espulso all’istante.
A fine partita, in conferenza stampa, il suo vice e fidato collaboratore Gianfranco Zola è intervenuto in sua difesa, dichiarando che: “Sarri è stato espulso dopo essere stato offeso”, in aperta polemica su quanto accaduto ma mantenendo un deciso contegno.

Stando a quanto si legge finora non c’è stato alcun tipo di rivendicazione da parte del tecnico offeso che ha però di certo riportato una profonda ferita personale.

“Dopo quanto è successo in campo, Sarri non ha ritenuto che parlare con la stampa fosse la cosa giusta – ha dichiarato Zola parlando alla stampa – penso che gli sia stato detto qualcosa dalla panchina del Burnley. Vedremo cosa fare al riguardo. Credo che la vicenda avrà un seguito: capiamo che l’adrenalina possa fare brutti scherzi ma era rattristito”.

Il Chelsea è terzo con 67 punti, a pari merito del Tottenham, che però ha giocato una partita in meno, e a +1 sull’Arsenal, mentre il Burnley è solo 15/o in classifica. Una partita che non sovverte quindi le sorti del campionato ma che ha visto un Chelsea in notevole difficoltà, con Callum Hudson-Odoi a subire un grave infortunio al 41′ del primo tempo ed è stato così costretto a lasciare il campo.

Di episodi di razzismo di questo tipo non si sentiva parlare da un po’ e c’è da capire che cosa succederà al tecnico e come reagirà la Società londinese a questa grave vicenda, già messa in evidenza dalla stampa britannica.

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close