Economia

IVA: tutto ciò che c’è da sapere sull’imposta sul valore aggiunto

L’imposta sul valore aggiunto, o IVA, nell’Unione europea è un’imposta generale sui consumi valutata sul valore aggiunto a beni e servizi. Si applica più o meno a tutti i beni e servizi acquistati e venduti per l’uso o il consumo nell’UE. Pertanto, i beni venduti per l’esportazione o i servizi venduti a clienti all’estero non sono normalmente soggetti a IVA. Al contrario, le importazioni sono tassate per mantenere il sistema equo per i produttori europei in modo che possano competere a parità di condizioni sul mercato territoriale con fornitori situati al di fuori dell’Unione. Vediamo insieme cos’è l’IVA, a quanto ammonta e come si esegue il suo scorporo.

IVA: le origini

Al momento della creazione della Comunità europea, i sei paesi dell’UE originari utilizzavano diverse forme di imposizione indiretta, la maggior parte delle quali erano a cascata. Si trattava di imposte a più stadi, ciascuna tassa sul valore effettivo della produzione in ciascuna fase del processo produttivo, rendendo impossibile determinare l’ammontare reale delle imposte effettivamente incluse nel prezzo finale di un determinato prodotto. Di conseguenza, c’era sempre il rischio che i paesi dell’UE sovvenzionassero deliberatamente o accidentalmente le loro esportazioni sopravvalutando le tasse rimborsabili all’esportazione. Era evidente che se ci fosse mai stato un mercato unico efficiente in Europa, sarebbe stato necessario un sistema fiscale neutro e trasparente sulla cifra d’affari che garantisse la neutralità fiscale e consentisse di compensare l’esatto importo dell’imposta nel punto di esportazione. Come spiegato nell’IVA sulle importazioni e sulle esportazioni, l’IVA consente la certezza che le esportazioni in tale paese siano esenti da imposte in modo completo e trasparente.

Qual è lo scopo dell’IVA

Lo scopo dell’IVA è aumentare le entrate per finanziare la spesa pubblica come qualsiasi altra imposta. L’IVA è una tassa sui consumi, che aumenta le entrate della spesa dei consumatori. Si ritiene che un buon sistema fiscale dovrebbe avere un equilibrio tra imposta sul reddito e imposta sul consumo. Il vantaggio dell’IVA rispetto ad altre forme di imposta sulle vendite è che è più difficile da evitare; L’IVA è riscossa in ogni fase della catena di approvvigionamento, ma può essere rivendicata dalle imprese a fronte dell’IVA addebitata.

Come calcolare scorporo IVA

Lo scorporo dell’IVA è fondamentale per aziende e professionisti esso permette di togliere l’imposta sul valore aggiunto dal prezzo finale. Effettuando lo scorporo dell’IVA si toglie dal prezzo realmente pagato per un prodotto l’ammontare dell’imposta del valore aggiunto (che per la maggior parte dei beni e dei servizi è del 22%), generando così due dati: prezzo netto o base imponibile, esente da tasse, e l’ammontare del prezzo dell’IVA sull’importo. Il calcolo per lo scorporo dell’IVA sfrutta le proporzioni matematiche: 100 : aliquota IVA = base imponibile : Importo lordo (netto +IVA), dove al posto dell’aliquota IVA si andrà a sostituire il valore 100+IVA, mentre all’importo lordo il prezzo pagato per l’acquisto del servizio o del prodotto

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close