Caffè Napoli, il Miglior Caffè di Milano ora costa 1.20 euro

Il franchising napoletano aumenta il prezzo del suo caffè, il migliore di Milano: strategia vincente o scelta sbagliata?

caffè con cremina

Da un mese a questa parte il miglior caffè di Milano costa 1.20 euro. E’ la decisione assunta a sorpresa da Caffè Napoli, l’azienda partenopea in franchising che gestisce numerosi bar nel capoluogo meneghino. Nel giro di pochi anni, ha letteralmente sbaragliato la concorrenza, creando per la prima volta una “catena di bar napoletani“, per altro lontana diverse centinaia di chilometri dal capoluogo campano. Riportando alla memoria il boom fatto registrare un decennio fa dai Caffè Mexico (Passalacqua) che nei primi anni 2000 si lanciarono con decisione del mondo del franchising, con numerose aperture in tutto il territorio campano.

E’ DAVVERO IL MIGLIOR CAFFE’ DI MILANO?

Caffè Napoli, almeno a Milano città, vince per distacco. Qui puoi davvero degustare il miglior caffè napoletano, forse della Lombardia. Al di là della qualità del caffè in sé, è tutto il contesto ad essere vincente: bicchierino d’acqua d’ordinanza, da bere ovviamente prima (in una città in cui quest’abitudine non c’è), e caffè con cremina (quindi già zuccherato), proprio come a Napoli. Senza dimenticare il fascino delle varie location, il sottofondo musicale (con Pino Daniele fisso in playlist) e la possibilità di degustare il proprio caffè direttamente da bordo strada, senza neanche entrare nel locale per consumare. Insomma, un angolo di Partenope nel centro di Milano: da via Turati a via Marghera, dal Duomo a Moscova, passando per Foro Buonaparte.

caffè napoli milano

CAFFE’ A 1.20 EURO: MOSSA VINCENTE?

Che Milano sia la città più cara d’Italia (forse solo dopo Bolzano) era già un dato risaputo. Inevitabile che anche il caffè sia adeguasse a questi standard. Spendere 1 euro per un caffè – anche per una questione di praticità – era diventata un’abitudine, largamente diffusa in tutto il Nord Italia e nelle grandi città della Penisola. Portarlo di colpo a 1.20 euro, quindi con un aumento effettivo del 20% da un giorno all’altro, potrebbe risultare una mossa di marketing leggermente azzardata. E, soprattutto, pericolosa. I milanesi (ed i tanti meridionali che vivono nel capoluogo meneghino, che rappresentano la più fetta più grande della clientela di Caffè Napoli) potrebbero decidere di rinunciare al gusto, al sapore, all’atmosfera che si respira nei locali di questa catena, non tanto per i venti centesimi, quanto per una questione di principio. Proprio sicuri che si sta stata una scelta intelligente?

Zia Esterina Sorbillo a Milano: Pizza Fritta-Panzerotto, è sfida con Luini

Pubblicato da Gianluca Capiraso

35 anni, avellinese, iscritto all'Albo Nazionale dei Giornalisti Pubblicisti dall'ormai lontano 2000. Appassionato di sport, tecnologia e web, è attualmente Search Marketing Specialist presso una società di Milano.