Neve a Napoli 2018: Scuole chiuse e disagi

Il termometro scende sotto lo 0 a Napoli, voli bloccati e scuole chiuse.

neve-napoli

E’ giunto il momento di abbattere il luogo comune secondo cui i napoletani non si ricorderebbero neppure com’è fatta la neve. Dopo Roma, questa mattina anche Napoli, la città dei “mille culure” ne ha scelto uno tingendosi unicamente di bianco.

Circa 10 centimetri di neve sono caduti nella zona che comprende i Camaldoli  fino ai Calli Aminei, dal Vomero a Capodimonte. A causa del maltempo è inattivo il funzionamento dell’Areoporto Capodichino dove sono stati sospesi tutti i voli in arrivo e in partenza.

Scuole chiuse

Il Comune della città ha inoltro disposto la chiusura delle scuole consigliando ai cittadini napoletani di limitare gli spostamenti a casi strettamente necessari. Anche il trasporto pubblico ha subito forti variazioni. I bus non sono partiti dalla rimessa e sono state sospese anche le corse della Linea 1 della metropolitana. La stessa circolazione ferroviaria ha subìto una battuta d’arresto per cui molti treni non partiranno o saranno soggetti a forti ritardi.
Gravi anche le condizioni dei senzatetto, in aiuto dei quali è stato attrezzato uno spazio presso il Dormitorio pubblico di via de Blasiis così da fornire coperte, sciarpe, guanti e tutto il necessario per sopravvivere all’ondata di gelo.
I cittadini intanto rimangono bloccati nelle proprie dimore fino a quando le condizioni meteorologiche non miglioreranno così da consentire la ripresa nel regolare servizio cittadino. E nel frattempo si godono le immagini pittoriche che la natura fredda di questi giorni sta regalando.

Pubblicato da Paola Chiara Tolomeo

Nascevo 22 anni fa a Catanzaro, la città che mi ha regalato tante cose tra cui l'amore per il calcio. Sono entrata per la prima volta allo stadio insieme a mio padre all'età di 6 anni e da quel momento non ho più smesso.
Accanto a questa passione, ho coltivato anche quella della lettura e della scrittura. Considero la parola, il mio centro gravitazionale.
Da qui il desiderio di diventare giornalista. Dopo aver conseguito il diploma classico, mi sono trasferita a Bologna dove ho conseguito la laurea triennale in Lettere Moderne.
"Chi si ferma è perduto".
Dato questo mio motto di vita mi trasferisco a Roma per completare gli studi e dove attualmente frequento il corso magistrale di "Media, comunicazione digitale e giornalismo."
Scrivere notizie, raccontare storie, intervistare le persone è la mia più grande passione. Spero diventi anche il mio mestiere.

sonar liberato

Liberato al Sonar 2018 di Barcellona: ecco quando

vinyleast

VinylEAST a Milano: Data e Ultime Notizie