Nuovo singolo Gigi D’Alessio, duetto con Carosone (Video)

Gigi D'Alessio: il singolo “O' Sarracino” anticipa il nuovo album

Si intitola Io mammeta e tu il nuovo singolo di Gigi D’Alessio, settimo estratto dal suo ultimo album Malaterra, rilasciato lo scorso Ottobre. Il brano, in rotazione radiofonica dal 29 Agosto, non è altro che la cover di uno dei pezzi più celebri della tradizione musicale napoletana, composto da Riccardo Pazzaglia e portato al successo da Domenico Modugno nel lontano 1955.

Il testo racconta, in chiave ironica, la storia di un ragazzo che non riesce a godersi un momento di solitudine con la propria fidanzata, per via dell’invadenza sia della suocera che del resto della sua famiglia. Negli anni questa canzone, tra le italiane più famose nel mondo, è stata reinterpretata da artisti del calibro di Massimo Ranieri e Renato Carosone.

Proprio con quest’ultimo Gigi ha voluto duettare virtualmente, omaggiando uno dei suoi più grandi maestri. Carosone si spense nel sonno nel Maggio del 2001, ma negli ultimi anni di vita instaurò una sincera e spontanea amicizia con D’Alessio, che considerava un po’ come il suo erede, al punto da concedergli in regalo il suo pianoforte.

IO MAMMETA E TU audio

IO MAMMETA E TU testo

Ti avevo detto,
dal primo appuntamento
‘e nun purtà nisciuno appriesso a te
invece mo nu frato
na sora, na nepote
sola nun staje na vota
ascimmo sempre a tre
e mi hai promesso
“Domani chi lo sa
vengo io soltanto
soltanto con mammà!”

Io, mammeta e tu
passiammo pe’ Tuledo
nuje annanze e mammeta arreto
io mammeta e tu
sempre appriesso
cose ‘e pazze
chesta vene pure ‘o viaggio ‘e nozze
jamm’o cinema, o abballà
si cercammo ‘e ce ‘a squaglià
comm’a nu carabbiniere
chella vene a ce afferrà
ma, ‘nnammurato
so’ rassignato
non reagisco più
io, mammeta e tu
io, mammeta e tu!
Ma San Gennaro m’aveva fatto ‘a grazia
ll’ata matina
nun ll’ha fatta aiza’
Teneva ll’uocchie ‘e freve
pareva ca schiattava
io quase mme credevo
d’asci’ sulo cu te
nu filo ‘e voce,
pero’, truvaje mammà
“Da ‘a piccerella
ve faccio accumpagnà”

Io, soreta e tu
jamm’o bar ‘o Chiatamone
“Vuo’ ‘o cuppetto o vuo’ ‘o spumone?”
“Chello ca costa ‘e cchiù!”
pe’ ricordo ‘e ‘sta jurnata
dint’a villa, ce hanno fatt’a foto
vuò ‘o pallone, vuo’ ‘o babba’
nun se fida ‘e cammenà
guardo a essa, guardo ‘o mare
sto’ penzanno ‘e ce ‘a mena’… ah… ah
ma ‘nnammurato
sò rassignato
nun ve veco cchiù
mammeta, soreta e tu

Mammeta, soreta e tu..
jamm’o cinema, o abballà
si cercammo ‘e ce ‘a squaglià
comm’a nu carabbiniere
chella vò ne a ce afferrà… ah… ah
tu mm’e ‘nguajato
me sposo a n’ata
nun ve veco cchiù
mammeta, soreta e tu
pateto, frateto e tu
nonneta, zieta
pateto, frateto
nonneta, soreta, e tu