Politica

Patto Per Napoli, De Magistris “Nessun riavvicinamento a Renzi”

Il Patto per Napoli non cambierà le carte in tavola. La sfida a Matteo Renzi arriva da Lugi De Magistris, e sembra pesare più di macigno in un momento delicatissimo per la politica italiana. A poco più di un mese dal famoso referendum costituzionale, infatti, il sindaco di Napoli ha apertamente ribadito di non voler più sostenere il segretario del Partito Democratico, e di essere pronto a lanciare una valida alternativa.

PATTO PER NAPOLI – Andiamo per gradi. La vera, sostanziale novità per Napoli ed i napoletani è rappresentata dall’accordo denominato “Patto per Napoli“, che permetterà al capoluogo campano di beneficiare di un piano di interventi valutati intorno ai 308 milioni di euro. Al centro del piano resta la questione trasporti, alla quale andranno grossa parte dei fondi, mentre circa 180 milioni di euro saranno destinati al recupero delle aree industriali nella zona orientale della città. Inoltre, sempre a Napoli Est, verranno installati impianti di depurazione destinati al recupero del mare.

ASSE DE MAGISTRIS-EMILIANO – Se è vero che questi fondi rappresentino una vera e propria ancora di salvezza per i quartieri situati nella zona periferica di Napoli, resta invece forte l’acredine tra il Presidente del Consiglio e Luigi De Magistris. Il primo cittadino ha dichiarato di non aver cambiato idea sulla politica dell’ex sindaco di Firenze, nonostante i benefici che tutta la città potrà trarre dal famoso “Patto“. L’asse consolidato con il governatore della Puglia Michele Emiliano potrebbe condurre ad un nuovo movimento politico con una solida base nel sud, ma capace di coinvolgere elettori di tutta Italia.

Tag

Angelo Damiano

Meridionale, classe 1992. Disilluso studente di Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione. Nel troppo (poco) tempo libero, collaboratore di Newsly.it e vice-presidente di un comitato civico. Appassionato di politica, criminalità organizzata e sport, coltiva la speranza di diventare un cronista politico. In alternativa ha già pronto il biglietto per aprirsi un bar a Tenerife.
Back to top button
Close
Close