Economia

Prestiti per disoccupati senza busta paga: un prestito per chi non ha lavoro

Ebbene sì, vi è la possibilità di ottenere un prestito anche senza avere un lavoro. In questa guida parleremo di come si può ottenere questa tipologia di finanziamento. Oltre al nostro articolo, consiglio di leggere anche la migliore risorsa di approfondimento presente in rete, così da avere un quadro generale più chiaro e dettagliato possibile.

Prestito per disoccupati: chi può richiederlo? I requisiti richiesti

Oggi è possibile ottenere un prestito anche quando non si percepisce una busta paga mensile. Questa forma di finanziamento è dedicata principalmente ad alcune categorie ossia:

  • Disoccupati
  • Casalinghe
  • Studenti

Per ottenere credito da parte di banche e finanziarie è necessario però anche vantare alcuni requisiti specifici ossia:

  • Essere maggiorenni
  • Avere un conto bancario operativo da almeno un anno
  • Non avere protesti o segnalazioni come cattivi pagatori
  • Essere residenti in Italia

Questi sono i principali requisiti richiesti per ottenere delle piccole somme di denaro in prestito anche senza lo stipendio.

Finanziamenti per disoccupati con e senza garante

Come abbiamo visto, i disoccupati possono accedere a un prestito senza busta paga, per riuscirci però devono apporre delle garanzie che permettano alla banca o finanziaria di avere qualcosa su cui “rifarsi” in caso di mancato pagamento della rata.
Un disoccupato può accedere dunque a un finanziamento optando per garanzie come:

  • Fidejussione bancaria: in questo caso si richiede un prestito in banca con l’ausilio di un garante, ossia di una persona che presenta uno stipendio e un contratto a tempo indeterminato, che firma il contratto di finanziamento e si assume la responsabilità di saldare il debito nel caso in cui non lo faccia il richiedente.
  • Ipoteca Immobiliare: se si ha la proprietà di un immobile privato o commerciale è possibile accendere un’ipoteca per ottenere un prestito dalla banca. Che varrà dunque un’opzione sulla casa, nel caso in cui non si paghi correttamente il debito contratto.
  • Garanzie reali: alcune finanziarie e banche danno dei prestiti anche a coloro che possono vantare dei regolari contratti d’affitto per case e locali commerciali.

Oltre alla possibilità di accedere a un finanziamento con garanzie alternative allo stipendio si possono richiedere prestiti per chi non lavora anche senza garanzie.
I disoccupati hanno la possibilità di accedere a prestiti convenienti dedicati a coloro che vogliono avviare un’attività o impresa commerciale. La legge 608/96 prevede infatti anche il prestito d’onore per incentivare la nuova imprenditoria. Questo è dedicato a coloro che al momento sono inoccupati o disoccupati da almeno sei mesi e vogliono avviare una nuova azienda o impresa.
Questa possibilità viene offerta anche con il credito per le imprese e per le Start UP accessibile attraverso il sito di Invitalia.
Per accedere ai prestiti veloci e senza garanzie per disoccupati bisognerà creare un business plan e un progetto per illustrare la propria idea imprenditoriale e partecipare a un relativo bando di concorso. Se si vincerà il bando allora si potrà ottenere la somma necessaria all’avvio di un’impresa.

Esempi di prestito per i disoccupati

Come abbiamo visto ci sono diverse possibilità per i disoccupati che vogliono ottenere un finanziamento. Ma vediamo insieme alcuni esempi reali di prestiti per coloro che non hanno uno stipendio:

Tipologie di PrestitoSomma massima accessibileTempi massimi restituzioneGaranzie richieste
Finanziamento con fidejussione30 mila euroMassimo 120 rateUn garante con stipendio e contratto di lavoro
Ipoteca ImmobiliareSino all’80% del valore della casaSino a 20 anniUn immobile di proprietà per il quale si estinto già il mutuo
Rendita d’affitto di case e locali commercialiSino a un massimo di 30 mila euroMassimo 120 rateRendite dimostrabili d’affitto di case e locali
Carta di credito RevolvingSino a un massimo di 5 mila euroMassimo 48 rateUn conto corrente attivo e la dichiarazione dei redditi annua

Vediamo anche un esempio di prestito per disoccupati con fidejussione valutando tasso d’interesse e importo della rata.
Considerando un prestito di 15 mila euro con la firma di un garante e con un tasso di interesse pari all’8% annuo vediamo un esempio:

  • Importo richiesto: 15 mila euro
  • Importo della rata: 181,99 euro
  • Totale da restituire: 21,838,27 euro
  • Totale interessi da restituire: 6,838,27 euro

Dunque, il prestito per disoccupati con garante funziona allo stesso modo di un finanziamento personale. E prevede l’applicazione di un tasso d’interesse e un rimborso rateale che duri al massimo dieci anni.

Prestito per le casalinghe: le principali soluzioni

Anche le casalinghe che non hanno uno stipendio e sono al momento disoccupate, possono comunque accedere a un finanziamento con alcune soluzioni, quali:

  • Prestito con garante: si può richiedere un finanziamento facendo affidamento alla fidejussione da parte di un amico oppure di un parente che ha un reddito fisso.
  • Carta di credito revolving: quando si ha un conto bancario attivo e movimentato potreste ottenere una carta di credito revolving che dà accesso a un piccolo prestito senza busta paga al massimo di 5 mila euro.
  • Assegno di mantenimento: se si è divorziati è possibile richiedere un finanziamento ponendo a garanzia l’assegno di mantenimento che si percepisce mensilmente. Questo permette di accedere a un piccolo prestito di solito non superiore a 2 mila euro.

Prestiti per gli studenti: come funziona

Infine, tra i prestiti per disoccupati figurano quelli dedicati agli studenti che vogliono continuare gli studi ma a cui gli mancano le sostanze necessarie per andare all’università oppure partecipare a un master o ad un corso di specializzazione.

I prestiti per gli studenti vengono concessi da banche e finanziarie oppure direttamente dall’università. Nello specifico, un finanziamento per gli studenti prevede dei requisiti quali:

  • Un buon andamento scolastico nel corso degli anni
  • L’iscrizione a un corso universitario oppure a un master

Il prestito d’onore o per gli studenti è una forma di finanziamento particolare che non richiede l’intervento di un garante, quindi non è necessario avere uno stipendio né altre garanzie, se non una buona condotta e degli ottimi risultati scolastici. Inoltre, la maggior parte delle banche che offrono questo prestito non richiedono un rimborso immediato, ma prevedono l’attivazione del piano rateale o una restituzione totale nel momento in cui lo studente trova un lavoro alla fine del suo percorso d’istruzione.

Tag
Back to top button
Close
Close