Politica

Roberto Maroni Condannato a un anno per le assunzioni in Eupolis

Roberto Maroni è stato condannato in appello a un anno per turbata libertà nel procedimento di scelta del contraente.

L’ex governatore della Lombardia Roberto Maroni è stato condannato in appello a un anno per aver fatto pressioni affinché l’ente di ricerca regionale Eupolis assumesse una sua ex collaboratrice. L’ex governatore è stato assolto per la vicenda che riguardava la società Expo.

Per Roberto Maroni, ex governatore della Regione Lombardia ed ex ministro nei Governi Berlusconi, è stato condannato a un anno per turbata libertà nel procedimento di scelta del contraente. In buona sostanza l’ex governatore, sfruttando il suo ruolo, avrebbe fatto pressioni per far assumere nell’ente regionale Eupolis la sua ex collaboratrice Mara Carluccio. Nell’ambito della stessa inchiesta Maroni era anche accusato di aver fatto indebite pressioni sulla società Expo affinché un’altra sua collaboratrice prendesse parte a una missione in Giappone ma questa parte del procedimento ha portato a un’assoluzione sia in primo che in secondo grado.

Il processo a Roberto Maroni

I fatti che vi stiamo riferendo hanno a che fare con un’inchiesta della Procura di Milano sulle nomine Expo, inchiesta che aveva esposto l’ex governatore Maroni su due fronti: una legato a delle pressioni sulla società Expo per favorire una sua collaboratrice, pressioni che non erano state accertate neanche in primo grado, e un altro legato all’assunzione di Carluccio in Eupolis, vicenda per cui la corte d’Appello di Milano ha confermato la sentenza di primo grado.

Nella mia lunga attività politica e istituzionale non ho mai preteso né imposto niente a nessuno. In questo caso non ho mai preteso né imposto di assumere la Carluccio. Non ho mai richiesto a nessuno di violare una norma di legge, anche secondaria, per mio conto. Mai! Figuriamoci una norma penale”, così l’ex esponente di spicco della Lega si era difeso ma, evidentemente, non è bastato a convincere i giudici d’appello. Adesso per Maroni resta solo la carta della Cassazione per concludere l’iter processuale che lo vede coinvolto in questa vicenda.

Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close