Sport

Roland Garros di Tennis rinviato a causa del Covid 19, grande assente potenziale Nadal

La decisione definita “sinistra” da parte degli stessi atleti coinvolti, presa dalla Fédération Française de Tennis martedì 17 marzo di spostare l’Open di Francia da maggio a settembre collocando il torneo, in proiezione, lontano dalla minaccia per la salute da Covid-19, rischia un boicottaggio del 12 volte campione, Rafael Nadal. Ha anche creato confusione e rabbia in tutti i protagonisti di questo sport. Senza un’adeguata consultazione con le altre parti interessate nel gioco, la FFT ha annunciato che quello che normalmente è il secondo torneo di grande slam della stagione, programmato per essere eseguito dal 24 maggio al 7 giugno, diventerebbe ora la quarta e ultima major, a partire dal 20 settembre.

Una decisione che sembra seguire le orme di quella presa dalla UEFA, nella stessa giornata, di rinviare anche l’europeo di calcio 2020 all’anno successivo, facendolo diventare di fatto Euro 2021.

Possibile grande assente del Roland Garros: Rafael Nadal

Con le nuove date, il Roland Garros si colloca una settimana dopo la fine degli US Open e si scontrano con la Laver Cup, la competizione popolare e consolidata che vede protagonisti i principali giocatori d’Europa e del resto del mondo, e sostenuta da Roger Federer e Nadal.

Federer, il mondo n. 4, che si sta riprendendo da un piccolo intervento chirurgico al ginocchio e non dovrebbe riprendere a giocare fino a Wimbledon a luglio, si è allontanato dal campo negli ultimi anni e sarebbe comunque riluttante a sacrificare il suo coinvolgimento nella Coppa Laver, che è in programma dal 25 al 27 settembre a Boston.

Lo scontro pone Nadal, il regnante e perenne maestro degli Open di Francia, in una posizione più evidentemente imbarazzante. Anche lui è una figura chiave nel Team Europe della Laver Cup, insieme ad Alexander Zverev, Dominic Thiem e Stefanos Tsitsipas. Ma è lo spagnolo il re del Roland Garros. Senza Nadal, gli Open di Francia risultano gravemente inficiati.

Stesso discorso per Nick Kyrgios, sempre presente nel Team World della Laver Cup, così come lo sono John Isner e Jack Sock, l’anno scorso insieme a Milos Raonic, Denis Shapovalov e il giovane americano emergente, Taylor Fritz. L’assenza di un tale schieramento stellare svaluterebbe gli Open di Francia se questi piani così come sono stati anticipati dovessero andare avanti. In quel periodo dell’anno, molto probabilmente il torneo si sarebbe svolto al chiuso e non all’aperto tipicamente, togliendo ulteriormente la sua posizione unica nel gioco, in una delle ambientazioni più attraenti dello sport.

Questo apparente conflitto di interesse che coinvolge i maggiori tennisti del mondo, capovolge anche i pronostici degli scommettitori, che spesso riescono ad anticipare di alcuni mesi il risultato effettivo. Quali sono i migliori bookmakers che hanno già puntato tutto sulla vittoria di Nadal del Roland Garros sarebbe una domanda legittima. Così come è legittimo rispondere: tutti. Il campione del mondo, nonostante la sua età non accenna a diminuire nelle sue prestazioni e nel ritmo dei suoi allenamenti e delle presenze alle maggiori competizioni di tennis. Eppure questo sport non è come gli altri, l’essenza del tennis è che non si ferma mai. Il calendario professionale completo copre 51 settimane dell’anno. Anche quando artisti del calibro di Novak Djokovic e Rafael Nadal sono lontani dal campo per la loro appena quattro settimane di stop fuori stagione, di solito c’è sempre qualcuno, da qualche parte nel mondo che gareggia in un torneo in diretta streaming e a cui viene assegnato un punteggio con lo stesso sistema di classifica. Di conseguenza, l’effetto domino dell’arresto del tennis è stato un fenomeno mondiale.

Una decisione necessaria da parte della Federazione

La FFT ha dichiarato: “Mentre oggi nessuno può prevedere quale sarà la situazione sanitaria il 18 maggio, data d’inizio previsto delle qualifiche, le misure di blocco in vigore rendono impossibile prepararsi per esso e quindi organizzarlo inizialmente nelle date pianificato. Abbiamo preso una decisione difficile ma coraggiosa in questa situazione senza precedenti, che si è evoluta notevolmente dallo scorso fine settimana. Agiamo in modo responsabile e dobbiamo lavorare insieme nella lotta per garantire la salute e la sicurezza di tutti “.

Resta aggiornato - Segui Newsly.it

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close