Sindone: nuovi dubbi, alcune macchie di sangue sembrano “false”

Uno studio condotto da due ricercatori italiani sembra gettare nuove ombre sulla veridicità di alcune macchie di sangue presenti sul telo.

Sacra Sindone

Nuovi studi hanno riportato sotto i riflettori quella che è probabilmente la reliquia più adorata e ritenuta veritiera dai cattolici: la Sacra Sindone. Uno studio curato dall’antropologo forense Matteo Borrini e dal chimico Luigi Garlaschelli, sembra rivelare che alcune macchie di sangue presenti sul telo sindonico siano addirittura “false” e quindi non compatibili con una persona morta in croce. Intanto però la comunità scientifica si è divisa su quanto affermato dai due studiosi, alcuni di essi infatti sostengono tutto il contrario.

Una reliquia “importante”

La Sacra Sindone è probabilmente la reliquia più adorata dai cattolici e dai cristiani tutti poiché secondo la storia e la tradizione, si tratta del telo in cui è stato avvolto Gesù Cristo subito dopo essere crocifisso. Nel corso dei secoli, il telo è passato di mano in mano tra commercianti, papi, re e imperatori ma da sempre è stato attributo a Gesù anche se piano piano con l’avvento delle nuove tecnologie nuovi studi hanno affermato e poi smentito la veridicità e viceversa.

Lo studio

Come in una vera e propria scena del crimine gli studiosi Borrini e Garlaschelli, rispettivamente

Uno degli esperimenti

John Moores University di Liverpool e Cicap, hanno intrapreso questo studio rilevando dati importanti. Cosa è stato notato ? I due ricercatori hanno simulato una crocifissione con croci di diversa forma, legno e posizioni del corpo e da li è stato possibile, secondo Borrini e Garlaschelli, risalire alle macchie presenti sul telo. È emerso dunque che alcune macchie erano abbastanza compatibili con la forma di un uomo morto in croce altre invece, spiegano all’Ansa: “non trovano giustificazione con nessuna posizione del corpo, né sulla croce né nel sepolcro poiché – continuano i due ricercatori – le nostre prove su un manichino, hanno mostrato che in questo caso il sangue non arriverebbe nella regione delle reni, ma si accumulerebbe nella regione della scapola”. Tutto questo però non basta ad affermare si tratti di un “falso medievale” anche perché altri studi scientifici dimostrano ben altro, avvalorati dall’utilizzo di macchinari e tecniche moderne.

Pubblicato da Giovanni Azzara

Laureando in Scienze Religiose, appassionato di tutto ciò che riguarda la storia, in particolare quella della Chiesa e anche di giornalismo. Sognatore e visionario, speaker radiofonico e amante dell'arte in generale.
Il mio sogno ? Diventare vaticanista!
Twitter: @Azzarag91

Carabinieri

Uomo barricato in casa a Palo del Colle in provincia di Bari

iliad-telefonia-mobile

Iliad fa pubblicità ingannevole?