Siti di Bufale, Niente Più Pubblicità di Google e Facebook

Facebook, le foto del profilo protette dal diritto d'autore

Svolta importante nel campo delle pubblicità on-line. Google e Facebook le bloccheranno sui siti di bufale.

È guerra ai siti che diffondono notizie false! Google e Facebook hanno infatti deciso di bloccare le pubblicità sui siti che diffondono notizie false. Il provvedimento si è reso necessario per cercare di arginare (se non di eliminare quasi del tutto) il fenomeno delle bufale on-line, che avrebbe influenzato in maniera importante anche l’esito delle elezioni americane. Ma non solo, è infatti ormai da alcuni anni che centinaia di siti in tutto il mondo diffondono notizie false di ogni genere (dalla cronaca allo sport).

 

Il blocco verrà attivato nel giro di pochi giorni e porterà al crollo verticale dei ricavi per i suddetti siti. Google impedisce già da tempo l’utilizzo della piattaforma AdSense (che permette di guadagnare in base ai bannera pubblicitari) a quei siti che diffondono notizie false o incomplete. Facebook si occuperà invece di bloccare l’utilizzo di Facebook Audience Network per le pubblicità.

Che la decisione, almeno per quanto riguarda il noto social network, sia arrivata a causa delle tante lamentele sui contenuti falsi ricevute dopo l’elezione di Trump? 

 

Tiziana Cantone, video su Facebook? Doveva essere rimosso

“Tutte tranne il disabile”, Gaffe su Facebook di Matteo Renzi