SpaceX su Marte: il primo volo è previsto per il 2019

Nel 2019 si potrà raggiungere Marte per il CEO di SpaceX.

spacex

Nel 2019 potrebbe partire la prima navicella destinata ai viaggi su Marte, come è stato annunciato qualche giorno fa durante il SXSW Conference and Festival di Austin in Texas, dal CEO dello SpaceX, Elon Musk: “Stiamo lavorando per una nave interplanetaria, e penso che saremo in grado di effettuare viaggi brevi, voli, entro la prima metà del prossimo anno”. Si tratterà di un viaggio di collaudo, finanziato privatamente, ma capace di poter far cambiare idea agli scettici: “ Marte avrà bisogno di cupole di vetro, di una centrale elettrica e di un assortimento di fondamentali del vivere “ e poi “inizierà davvero l’esplosione di opportunità imprenditoriali “.

La vita su Marte potrebbe dunque non essere più un’utopistica aspirazione. Ci ha pensato il miliardario americano Elon Musk, che ha fondato nel 2002 la Space Exploration Technologies Corporation, un’azienda areospaziale, che è stata denominata anche progetto “SpaceX”. Elon Musk è uno degli uomini più potenti al mondo, nonché cofondatore di Paypal, amministratore delegato di Tesla Motors e invetore di “Hyperloop” un sistema di trasporto super veloce di tecnologia futuristica. Secondo la classifica stimata da Forbes, nel 2018, il suo patrimonio di circa 20.9 miliardi di dollari lo fa piazzare al 53esimo posto tra le persone più ricche del mondo, per cui non pare così improbabile la sua intenzione di voler davvero, tra 50anni, portare il nostro mondo su Marte. “ La gente non avrebbe potuto immaginare di poter prendere un 747 non-stop da Los Angeles a Londra “ aveva detto Elon Musk durante un meeting “ la tecnologia migliorerà quindi accadranno cose di ogni genere “.

spacex 2

L’idea eccentrica dell’imprenditore americano non era stata concepita fin da subito. Il progetto iniziale, proposto da Elon Musk nel 2001, fu il “Mars Oasis”: il posizionamento di una serra piena di semi e gel liofilizzati sul pianeta rosso che avrebbe apportato la crescita di piante. Le spese tuttavia sarebbero state fin troppo onerose, dunque si concentrò sulla realizzazione di lanciatori di razzi in grado di sostenere i costi.

Il Falcon 1 è stato realizzato dallo SpaceX nel 2008 ed è stato il primo razzo in grado di raggiungere l’orbita terrestre bassa, realizzato da un’azienda privata. Questo razzo è stato realizzato con l’intenzione di ridurre al minimo i costi dei lanci in orbita, migliorare inoltre le prestazioni per quanto riguarda la velocità e il tempo di lancio. Successivamente è stata progettata una sua versione migliorata, poi sostituita con il nuovo Falcon 9. A quanto pare è prevista una versione poi del Dragon in grado di trasportare esseri umani: “ dovrà essere abbastanza grande. Se dovessero trascorrere molti mesi non può avere dimensioni ridotte. Si tratterebbero di sei mesi di viaggio, diciotto mesi in superfice e sei mesi per tornare “ aveva dichiarato Elon Musk durante il meeting della Royal Aeronautical Society di Londra

L’azienda californiana fondata dal Musk ha come obbiettivo principale quello di fornirsi delle giuste tecnologie per un ipotetico trasferimento su Marte, che siano in grado di ridurre i costi dell’accesso allo spazio e di commercializzare poi tale processo.

Riguardo al dibattito sull’ipotesi di poter collaborare con altri paesi o aziende, in un futuro scenario competitivo dal punto di vista commerciale, Elon Musk aveva affermato: “spero che la prima missione umana su Marte sia in realtà una collaborazione tra industria privata e governo, ma penso che dobbiamo essere preparati alla possibilità che sia solo commerciale “.

Sono una studentessa universitaria e collaboro con testate giornalistiche dal 2012