Attualità

Stazione Spaziale Internazionale su Google Maps (Foto)

La ben nota Google Street view si è superata e ha deciso di mostrare lo spazio. Il mezzo di Google Maps che finora ha consentito di esplorare quasi ogni angolo del Pianeta, dall’Everest alle Galapagos, dal Machu Picchu alla foresta amazzonica, dall’isola indonesiana di Komodo agli abissi giapponesi di Okinawa, ha deciso di festeggiare il suo decimo compleanno nel migliore dei modi permettendo agli utenti di visitare per la prima volta un luogo senza gravità.

Da ormai 16 anni gli astronauti hanno la possibilità di vivere e lavorare all’interno dell’ISS, la Stazione Spaziale Internazionale che galleggia a 250 miglia sopra la Terra e che funge da base per l’esplorazione spaziale. Questa offre, peraltro, una prospettiva unica sul nostro pianeta di cui raccoglie dati sugli oceani, sull’atmosfera e sulla superficie del suolo.

Questa novità è frutto della collaborazione con le agenzie Nasa, Esa, Jaxa, Roscosmos e Casis. Per Street View si tratta della prima raccolta in cui le foto sono corredate da annotazioni; caratteristica precedentemente disponibile solo per i musei sulla piattaforma del Google Arts & Culture. Mentre gli utenti esplorano i moduli della stazione spaziale, infatti, potranno leggere sul proprio device informazioni e note sulla vita degli astronauti, sugli esercizi che compiono in orbita, sul cibo che mangiano e sugli esperimenti scientifici che conducono durante la missione.

Google Street View: dove e come guardarlo

Grazie all’arrivo di Google Street View chiunque, comodamente dal proprio tablet, cellulare o pc, potrà visitare tutti i 15 moduli dell’Iss grazie ad immagini a 360 gradi catturate da Thomas Pesquet, l’astronauta francese della European Space Agency che ha trascorso 6 mesi in orbita e ha così regalato a tutti i “curiosi” una nuova prospettiva sul mondo degli astonauti.

Angela Nimo

Pugliese di nascita e romana d'adozione, laureata in Editoria e Giornalismo presso l'Università la Sapienza di Roma. Curiosa di tutto ciò che mi circonda e con un'irrinunciabile necessità di scrivere! Il mio motto? Tieni testa al caos!
Back to top button
Close
Close