Video Le Iene, Giulio Golia: Chiamarsi Riina è una Colpa?

Nella puntata de Le Iene del 4 ottobre, l’inviato Giulio Golia ha intervistato la nipote del boss mafioso e ergastolano Totò Riina, che a causa del suo cognome scomodo è stata licenziata dal suo datore di lavoro, secondo una normativa della prefettura.

Maria Concetta Riina, figlia di Tanino, fratello di Totò, è incensurata e seppur con lo stesso cognome dei due mafiosi non è mai stata coinvolta in alcun atto criminoso ed ha sempre preso le distanze dalle attività illecite dei suoi familiari. Dopo quasi 12 anni di servizio ineccepibile, come segretaria presso una concessionaria di auto, la signora Maria Concetta è stata licenziata solo ed esclusivamente per il suo cognome.

Durante l’intervista Maria Concetta risponde alle domande di Giulio Golia prendendo le distanze dai suoi familiari coinvolti in atti a sfondo mafioso, ma nel tempo stesso la iena stessa si aspettava comunque una maggiore condanna di certi eventi da parte della donna. Resta il fatto che una persona incensurata e con la fedina penale limpida, sia stata licenziata solo per la colpa di chiamarsi Riina e non per gravi mancanze lavorative.

CLICCA QUI PER VEDERE L’INTERVISTA

Leggi anche:

Laureanda in Letterature Moderne Comparate per il Corso di Laurea in Filologia Moderna, ho diversi anni di esperienza presso testate giornalistiche online, blog culturali e magazine. Mi occupo di serie tv, cinema, letteratura e credo che la cultura l’unica strada che ci può rendere migliori. Ho scelto la scrittura come forma d’arte per cambiare il mondo