Web Tax per Airbn e altri al vaglio dell’UE a Tallin

Google a lutto per i morti di Parigi: fiocco nero sotto barra di ricerca

Italia, Germania, Francia e Spagna hanno sottoscritto una dichiarazione politica congiunta per istituire una web tax per società come Airbn, Google e altre componenti della così detta economia digitale. La proposta verrà valutata dall’Ecofin in una riunione in programma a Tallin, la capitale dell’Estonia presidente di turno dell’Unione Europea, il 15 e 16 settembre.

Le quattro potenze europee per la web tax

Secondo quanto si apprende dal ministero dell’Economia italiano, questa iniziativa ha lo scopo di smuovere una situazione vista come parecchio iniqua: infatti, queste imprese svolgono attività a scopo di lucro in Europa ma non sono soggette alla tassazione di tutte le altre aziende, creando così una situazione di disparità di trattamento. Nella dichiarazione firmata dai quattro Stati sopra citati si chiede che venga resa oggetto di tassazione da parte di uno Stato non solo la presenza fisica in un Paese, ma anche una presenza digitale rilevante che, certamente, porterà liquidità nelle casse delle società in questione. Questo documento è stato inviato al ministero delle Finanze estone e, per conoscenza, al Commissario europeo Pierre Moscovici.

Unione Europea: uno sguardo alla Storia

Web Tax contro Google?

Quello della tassazione sulle attività di aziende che operano online è uno dei principali problemi degli ultimi anni. Sono in molti a ritenere che, al di là della residenza fiscale, aziende come Google, Amazon  e Airbn debbano pagare le tasse anche in Paesi in cui, avendo una significativa presenza digitale, hanno dei guadagni. La dichiarazione congiunta dei quattro principali Stati membri dell’Unione Europea rappresenta una forte spinta in tal senso, anche se non sarà facile far passare questo provvedimento che cambierebbe non poco i piani dei principali colossi dell’economia del futuro. Tanta è l’influenza che colossi digitali come Google e Amazon possono esercitare e sono in molti a non voler perdere il loro appoggio. Staremo a vedere se e come verrà modificata la legislazione in merito a questa vicenda che è oggetto di discussione non certo da ieri.

Pubblicato da Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.

G7 Parlamenti: cominciata visita presidenti a Napoli

G7 a Napoli, Laura Boldrini: “Capitale della cultura”

quotidiano-vallenc-catalogna-referendum

Referendum Catalogna: sequestrato il quotidiano ”El Vallenc”