Accadde Oggi 30 marzo: nascono Eric Clapton e Tracy Chapman

Doppio compleanno nel mondo della musica

Accadde Oggi 30 marzo: nascono Eric Clapton e Tracy Chapman 3

Il 30 marzo del 1945 e del 1964 nascono il chitarrista Eric Clapton e la cantante rivoluzionaria Tracy Chapman. Nel nostro Accadde Oggi non potevamo escludere uno dei due, dedichiamo per cui l’articolo di oggi ad entrambi gli artisti.

Eric Clapton: gli alti e bassi del successo

Eric Patrick Clapp nasce a Ripley in Inghilterra nel 1945 e all’età di 14 anni, prende in mano la sua prima chitarra. Nel 1963 fonda il primo gruppo, i “Roosters” e seguono in breve tempo i “Casey Jones And The Engineers” e gli “Yardbirds”. Due anni dopo, viene contattato da John Mayall ed entra nei “Bluesbreakers”; il blues era per lui un’autentica calamita che lo avrebbe eternamente attratto a sé. Nello stesso anno forma i “Cream” insieme a Ginger Baker e Jack Bruce; spesso abbiamo parlato delle conseguenze a volte disastranti del successo e anche nel caso del trio è stato così: dopo la fama si dividono per incomprensioni di varia natura. Con la ricerca di nuovi compagni ideali, inizia una collaborazione con i “Blind Faith” e “Plastic Ono Band” di John Lennon, ma il suo album di successo fu “Eric Clapton”, pubblicato da solista. Le sue collaborazioni aumentano clamorosamente così come aumenta anche un problema da non sottovalutare, l’eroina. Come si è soliti dire, salvato per un pelo, dopo due anni di fermo Eric, ritorna sul palco e pubblica l’album “Eric Clapton’s Rainbow Concert”, seguito da un buon successo. Come se si trattasse di un’altalena, dopo un periodo di successo segue quello del fallimento e il chitarrista prova a rimettersi in piedi nel ’76 con Dylan e The Band e da questo anno fino al 1983, si ricordano (meglio di dimenticano) album di scarsissimo successo; le sorti si ribaltano fortunatamente con “Money and cigarettes”. Alcool, droghe e donne, si alternano a momenti artistici di media fama: colonne sonore (Homeboy, Rush) e un pezzo più noto – il più bello forse – dedicato alla scomparsa del figlio “Tears in heaven”. Per i suoi trent’anni di carriera, ritorna nel pieno delle forze con l’album “From the candle”, apprezzato dal pubblico e dalla critica. Oggi, dopo una vasta collezione di molti momenti bassi e pochi (ma eccezionali) di momenti alti, il 72enne Eric Clapton è un artista apprezzato, ricco e indiscutibilmente tra i migliori!

Tracy Chapman: dalla musica alla rivoluzione

Il carattere introverso di Tracy Chapman, fa di lei una bambina particolarmente sola ma anche piena di fantasia; l’amico immaginario nei bambini introversi non è una novità. Tracy presenta delle spiccate doti intellettuali, vince infatti una borsa di studio per l’Università di Tufts, dove studia antropologia. Quando inizia a suonare la sua chitarra, deve inizialmente accontentarsi della strada e dei classici locali con musica live, ma l’incontro con il padre di una compagno universitario, è stato per lei un vero caso di fortuna; inizia una collaborazione nella casa discografica – la stessa di oggi.
Nel 1988 pubblica il suo primo album di enorme successo, unico per lei di tale portata, dal nome “Tracy Chapman”, contenente il singolo “Fast cars”. Viene definita l’erede anni ’80 di Dylan, ma dopo l’album “Crossroads”, la critica fu molto dura nei suoi confronti e per ritrovare un discreto equilibrio, bisognerà aspettare fino al 1996 con il disco “New beginning”. L’artista è fuori dal gruppo della gente che conta, ma presente in prima linea quando si tratta di impegno sociale: partecipa nel 1998 al concerto “One Love – All Star tribute” in onore di Bob Marley.
Come Eric Clapton, anche la carriera di Tracy Chapman ha subito molti alti e bassi (sarà una particolarità della data di nascita?) ma nonostante tutto, anche lei, può essere solo che soddisfatta del grande successo ottenuto.

“Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso” (Albert Einstein). Ha studiato Festival Manager presso la Giffoni Academy. Appassionata di libri, cinema, arte e musica. Sognatrice ma realista, scrive per la sua sete di curiosità.