Asia Argento al Paelamento Europeo per parlare di ”MeeToo”

Applausi per Asia Argento al Parlamento Europeo: ““MeToo è la più grande rivoluzione dalla conquista del voto”. Oggi parteciperà al Corteo di Roma.

Asia Argento

“Sono stata violentata nel 1997 e ci ho messo 21 anni per capire cosa mi fosse successo e per trovare il coraggio di parlarne in pubblico”. Queste le parole di Asia Argento durante il suo intervento al Parlamento Europeo in occasione del convegno “Empowering women and girls in media and ICT: key for the future”, organizzato per la giornata internazionale della festa della donna.

Il suo intervento è durato circa 40 minuti e davanti ad una platea gremita di persone ha raccontato la sua triste e dolorosa esperienza di donna che ha subito violenza. Ha aggiunto che la sua paura è stata quella che hanno tutte le donne quando vengono violentate: “raccontare ciò che ci è accaduto e non essere credute”. 

Asia Argento, il nuovo Fidanzato è Anthony Bourdain 2

L’intervento di Asia Argento

L’esperienza della mia violenza non è stata ascoltata in Italia, ma solo in Francia“, ha proseguito l’attrice, che ha scelto di “diventare un’attivista per coloro che non riescono ancora a parlare”

Asia Argento ha concluso il suo intervento dicendo: “Non avrei mai pensato che sarei arrivata a parlare della mia storia di sofferenza e forza al Parlamento europeo. Ma adesso non siamo più vittime, siamo vincitrici ormai”.

Alla fine del suo intervento, ancora emozionata per la testimonianza, l’attrice ha preferito non rispondere alle domande dei giornalisti.

L’attrice, che per prima ha denunciato le violenze subite dal potentissimo produttore americano Harvey Weinstein, parteciperà al corteo romano di giovedì 8 marzo che da Piazza Vittorio all’Esquilino alle 17.00 arriverà a Piazza Madonna Di Loreto vicino Piazza Venezia.

Pubblicato da Antonio Caporaso

Antonio Caporaso è nato a Salerno, vive a Portici. Laureato in Giurisprudenza, è fotoreporter dal 1990. Insieme con Jacopo Naddeo, dal 2016 ha costituito un laboratorio per le arti fotografiche in Pellezzano (Sa). Ha partecipato a numerose mostre e concorsi fotografici. Scrive libri e collabora con alcune riviste e case editrici nazionali.