Attualità

Attacco in Siria: riassunto sulla questione

L’attacco avvenuto stanotte da parte degli Stati Uniti alleati con Gran Bretagna e Francia, ha alzato un’inarrestabile dibattito tra i maggiori esponenti delle varie nazioni.

DOPO L’ATTACCO IN SIRIA Il ministero della difesa russo ha affermato che a quanto pare le difese aeree siriane  hanno intercettato e contrastato 71 missili lanciati dalla tripla alleanza occidentale che ne ha sferrati 103.

La Russia: “abbiamo fatto tutto il possibile per evitare queste strategie destabilizzatrici ma nonostante questo gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno ignorato gli a ppelli di tornare alla ragione” La Russia continua ad attaccare con durezza l’operzione, ribadendo che il personale militare russo sta combattendo contro il terrorismo.

L’America: “la Russia usa il veto il Consiglio di sicurezza dell’Onu, come il regime siriano usa il Sarin. Non possiamo permettere che la Russia getti nella spazzatura tutte le nome internazionali, e consenta che l’uso di armi chimiche non riceva un’ adeguata risposta “.

Regno Unito: ” è stato un intervento umanitario, giusto e legale ”

La Francia: ” il tempo della guerra è finito. Si torna alla diplomazia. Parigi lavorerà con la Russia per raggiungere una soluzione politica ”

La Siria: ” è stata una brutale aggressione quella statunitense, britannica e francese, che può solo portare a infiammare ulteriormente le tensioni e rappresenta una minaccia per la pace e la sicurezza internazionali”

L’attacco sferrato dagli USA è stato intrapreso e presentato come risposta, come singolo ammonimento e un caso che sarebbe dovuto rimanere isolato. Nonostante la tensione sia alta, si continua a discutere sulle possibili conseguenze e a valutare soluzioni diplomatiche. Stati Uniti e Russia, tuttavia, pare abbiano l’intenzione di restare ancorate alle proprie posizioni contrastanti.

Tag

Valentina Licciardello

Sono una studentessa universitaria e collaboro con testate giornalistiche dal 2012
Back to top button
Close
Close