Australia, attentato a Melbourne: Suv sui passanti

attentato melbourne

Torna lo spettro del “terrore” a Melbourne. Dopo l’attentato dell’Isis avvenuto in giugno, la città australiana deve di nuovo fare i conti con il terrorismo. Un uomo alla guida di un Suv bianco ha incominciato ad investire i passanti a Flinders Street, all’angolo con Elizabeth Street, in pieno centro cittadino.

L’attentato è avvenuto verso le 16.30 (ora locale) in una delle strade più frequentate dagli abitanti di Melbourne, ad un passo, da una delle principali stazioni della città. Considerando anche il periodo, le strade erano affollate di gente in giro per i classici acquisti di Natale. Il primo bilancio delle vittime è di 14 feriti molti ricoverati in gravi condizioni. Secondo alcune indiscrezioni, non si conoscono ancora i motivi del gesto, al momento l’uomo alla guida e il suo, molto probabilmente, complice sono stati arrestati ed interrogati dalla polizia.

D’altra parte, affidandolo al suo account Twitter, la polizia ha diramato un comunicato chiedendo a chiunque sia di evitare la zona circostante l’incidente, sia a fornire testimonianze sull’accaduto.

Melbourne e i precedenti

Come già accennato, in quest’ultimo anno la città di Melbourne ha dovuto fare i conti più volte con la paura. A giugno, un uomo aveva prima ucciso il portiere di un complesso d’appartamenti e dopo si era barricato con una donna come ostaggio. Durante l’irruzione dei corpi speciali aveva ferito tre agenti prima di essere ucciso. Questo gesto è stato successivamente rivendicato dalla stessa Isis.

A gennaio invece, sempre vicino a Flinders Street, è avvenuto un altro attacco con un auto che ha causato la morte di sei persone. In questo caso, non si è trattato di terrorismo, e il 26enne Dimitrious Gargasoulas è stato arrestato. Dopo quest’attacco, l’amministrazione di Melbourne ha deciso di blindare la città con i jersey per evitare altri attacchi, d’altra parte si è deciso anche di mantenere ai massimi livelli anche l’allerta antiterrorismo in tutta l’Australia.

Pubblicato da Alfonso Fanizza

Storico-critico musicale, laureato al D.a.m.s. e in possesso di un Master in “Manager della gestione e organizzazione di eventi culturali e artistici”. Grande appassionato di musica, libri e cinema, con una particolare predisposizione al viaggio.

bitcoin-come-funzionano

Torino, primo negozio italiano con pagamento Bitcoin

Papa Francesco discorso alla Curia : “Basta logica dei complotti e delle cerchie”