Come si scrive Soprattutto o Sopratutto?

Come si scrive daccordo o d'accordo?

Soprattutto o sopratutto? Questo sarebbe uno dei dilemmi che sconolgono centinaia di persone ogni giorno. Sembra che infatti la questione sia di facile soluzione ma, forse, così non è perché le ricerche sui motori di ricerca parlano chiaro. Come si scrive “soprattutto o sopratutto”? È errato scrivere “sopratutto”? È necessario utilizzare la doppia “t” o entrambe le forme sono da considerasi corrette? È questo uno dei dilemmi grammaticali più diffusi e che cercheremo di risolvere.

“Sopratutto” o “soprattutto”? Come si scrive? È da considerarsi corretta la forma con raddoppiamento fonosintattico, la regola grammaticale al riguardo parla abbastanza chiaramente. Alcune parole richiedono il raddoppiamento della consonante della parola che segue, queste sono: sopra, qualche, come, dove. Nel nostro caso l’avverbio “soprattutto” deriva da “sopra” + “tutto” e segue la regola del raddoppiamento fonosintattico, dunque la forma corretta è quella che presenta la doppia “t”.

Scrivere “sopratutto” è sbagliato? In teoria sì, ma in realtà la forma “sopratutto” è molto sviluppata e ciò anche a causa dell’influenza generata da termini come dopotutto, oltretutto. A conferma di ciò giunge il DOP, Dizionario di Ortografia e Pronuncia, che riporta come corretta la forma “soprattutto”, come “meno comune” la forma “sopratutto” e come “rara” quella staccata “sopra tutto“. Insomma come si scrive soprattutto o sopratutto? Nell’italiano scritto è meglio utilizzare la formula con raddoppiamento fonosintattico.

A sciogliere l’arcano, comunque, ci pensano sia Treccani che l’Accademia della Crusca. L’arcano (che arcano in effetti non è) ha però una soluzione abbastanza intuitiva, che fa ormai parte del linguaggio comune. Secondo Treccani la scelta tra soprattutto o sopratutto è ovviamente semplicissima: “La forma corretta è soprattutto, con il raddoppiamento sintattico, come previsto dalla norma generale. La forma sopratutto, abbastanza diffusa, è da considerarsi scorretta, ed è dovuta all’influenza di forme come dopotutto, oltretutto ecc.”

L’Accademia della Crusca, al riguardo, considera la questione talmente pacifica da non considerarla neanche tanto compiutamente: si perché i dubbi sulla forma corretta non dovrebbero assolutamente sconvolgere nessuno.

La domanda “come si scrive, soprattutto o sopratutto“, non dovrebbe neanche porsi. È evidente che la forma corretta è soprattutto.

Leggi anche: